VOTI PINDARICI / Lazio-Juventus 0-2

di Andrea Pegolo |

Buffon – voto 6,5
Al suo posto, potrebbe giocare anche un portiere del Subbuteo non controllato da nessuno. Già, per non subire gol, oggi basta restare fermi al centro esatto della porta, con le braccia alzate (per sancire il trionfo indiscusso).

 

Barzagli – voto 6,5
Ok, respiro profondo. Keep calm. C’è Barzagli, uno che affronta le situazioni di petto, un Eolo bianconero che gonfia il torace e con un soffio manda tutti gli avversari gambe all’aria, uno alla volta, generando un irreversibile effetto-Domino.

 

Bonucci – voto 6,5
Riecco un “Bonzonucci” ai massimi livelli meditativi. Concentra mente e corpo sul qui e ora e, così facendo, si fa sfuggire più di una volta soltanto l’Ommm di rito, mentre tutto ciò che gli transita intorno, uomo compreso, viene annullato.

 

Chiellini – voto 6,5
Qualche liscio di troppo, apprezzato e applaudito soltanto da Raul Casadei sugli spalti, ma se lo stile di gioco del Chiello non è proprio pulitissimo, i suoi intenti, al contrario, sono piuttosto nitidi: vincere, a tutti i costi. Ecco una delle anime della riscossa.

 

Lichtsteiner – voto 6
Il binario 26 è completamente dritto, non permette zig-zag o divagazioni di percorso, ma la prevedibile monotonia dell’Avantindietro, in realtà, è anche fonte di certezze, prima delle quali la puntualità.

 

Alex Sandro – voto 7
Alex: due spalle così! Sandro: due spalle così!
Ladies & Gentlemen, ecco Alex Sandro, l’uomo con quattro spalle, indistruttibile, in grado di reggere ogni urto e, con i suoi assist, capace di dare una spallata decisiva anche alla classifica!

 

Marchisio – voto 6
C’era una volta un Principino su un cavallo bianco… Ora c’è un Mastro Ferraio appiedato, che con ferro, fuoco ed esperienza forgia preziose barricate.

 

Sturaro – voto 6
Lotta con tutte le armi che ha a disposizione, compresa la stellina da Samurai nascosta sotto il polsino.

 

Asamoah – voto 6,5
Torna l’unico slalomista prestato (per nostra fortuna) al mondo del calcio. Supera gli avversari come paletti e incredibilmente, alla prima dopo tanto tempo, non inforca e men che meno esce di pista.
Schhh schhh schhh, che bello riascoltare il suono soffice delle sue discese!

 

Evra (SUB) – senza voto

 

Mandzukic – voto 6,5
Da “U” come Ufo a “U” come Utile, passando per “U” come Uomo squadra… Olè u-u, continua l’inversione a “U” del Mandzo, dopo l’apatica prima parte di stagione.

 

Morata (SUB) – senza voto
Lotta per riconquistarsi la maglia. Questo oggi è l’unico segnale che deve dare.

 

Dybala – voto 7,5 MVP
La sua campagna è sempre più convincente, il programma sempre più interessante. Ok, non ho più dubbi: alle prossime elezioni, voterò P.D., Paulo Dybala… for president!

P.S.: non solo il 5 maggio, anche il 4 dicembre è un giorno bellissimo in casa bianconera.

 

Cuadrado (SUB) – senza voto

 

Allegri – voto 7
Azzecca l’undici iniziale, inserendo a sorpresa il redivivo Asamoah, che non tradisce. Oltre la tattica, però, si percepisce una nuova, efficace coesione d’intenti che nasce nello spogliatoio e si manifesta sul campo. E’ ufficiale: la Juve ha di nuovo fame!