Verratti alla Juve: SI’ o NO?

di Juventibus |

di Sandro Scarpa e Giacomo Scutiero

 

 PREMESSE             

 

 SCARPA 

Non amo Verratti. Tutt’altro. Uno dei più sopravvalutati e trendy del momento, spesso esaltato come “miglior calciatore italiano” da stampa e tifosi perché è uno dei pochi a non indossare il bianconero. Il ragazzo è simpatico, umile, positivo e tifoso Juve, ma sul giocatore, comunque valido, ho serissimi dubbi.

 SCUTIERO 

Adoro MV6. Come persona: ha digerito senza complicazioni il passaggio dal liceo di provincia all’impiego parigino con requisito di laurea, senza alcuna lezione di università; quando gli chiedi quanti scudetti ha la Juve, risponde come noi altri. Come calciatore: una divinità in una tasca di pantalone da uomo.

 

 IL VALORE            

 

 SCARPA 

Alcune doti notevoli: passaggio nel corto e nel lungo, visione di gioco a 360° gradi e personalità palla al piede e negli smarcamenti in impostazione. STOP. Per il resto non mi convince. In non possesso non ha senso del contrasto, non ha un fisico o una reattività da giocatore davanti alla difesa, né l’intuito per rompere linee di passaggio altrui e per questo ferma solo con falli sistematici (dai 10 ai 18 gialli l’anno nel PSG in Ligue1!). Peraltro, Verratti non ha gamba, ritmo e timing di inserimento per essere un interno/mezz’ala moderno a tutto campo, per tacere della sterilità offensiva. È un passatore di elevata quantità grazie al volume di gioco del PSG, ma prima il vero architrave dei francesi era Motta, oggi gli scudieri che gli consentano il tempo della giocata sono Rabiot e Matuidi, mattatori all’andata col Barca. Proprio al Camp Nou sono emerse in modo schiacciante le sue lacune, incapace di tenere un pallone o un centrocampista rivale, fino al masochismo con le ultime punizioni regalate a Neymar e soci

 SCUTIERO 

Il più piccino (165 cm) giocatore di NBA prestato al calcio. La lista di quelli migliori nel possesso/controllo palla è striminzita: testa alta e cervello reattivo; se osservate le gare con la Verratti-cam, come sottopancia leggete “Coscienza di sé”. Forse troppa, originante più di un fremito nel tifoso. Se pressato, “la perde mai” (cit. gente di Barcellona, ha dribbling da n.10); se libero, sciorina aperture, key pass ed assist da REC (1° per passaggi riusciti in Champions). Zeman lo schierò vertice basso e ribadisce che rende meglio alla Pirlo; per Ancelotti e è l’erede del Maestro. Marco, ironico e modesto, diceva: “Finché c’è Andrea, gioco panchina destra/sinistra”. Comunque, non ha più giocato lì. Al PSG sempre interno, con T.Motta-Matuidi prima e Rabiot-Matuidi poi. Due stagioni fa il richiamo di Blanc: “Glielo dico da quando è arrivato…Se non capisce, avrà problemi”: falli e gialli: troppi. In Ligue 1 è top nei recuperi (3.7 a gara) ed altresì molto precipitoso (non attendere è spesso arma per chi ti affronta) ed aggressivo; i cartellini sono in calo dopo il disgraziato record del 2015 (18). Quanto detto dagli ex allenatori sulla posizione in campo, giustappunto per questo suo vizietto, lascia perplessi.

 

 ALLA JUVE            

 

 SCARPA 

Ha età, esperienza e nazionalità ideali per il salto alla Juve, peccato però che abbia difetti e lacune non colmabili per la titolarità in bianconero e soprattutto prezzo (sui 60-70 milioni) e ingaggio (siamo sui 7-8 milioni coi bonus) doppi rispetto al suo reale valore. A Torino si inserirebbe bene ma ora Verratti NON serve, nel ruolo la Juve ha un Pjanic (solo 2 anni in più) che ha visione, piede e balistica superiori, e doti in recupero e intercetti apprezzabili. Mire in pochi mesi, tra Spalletti e Allegri, ha saputo eccellere nel ruolo rendendo l’acquisto di Verratti inutile. Alla Juve Verratti non potrebbe nemmeno –ovvio- fare il lavoro prezioso dell’attuale Khedira, né adattarsi a fare la mezz’ala box-to-box alla Vidal o Pogba.

 SCUTIERO 

Benché la mia pancia direbbe a priori “Sì”, non saprei però collocarlo nell’attuale Juve. 4-2-3-1: non sta benissimo nel centrocampo a due, è mai stato in una triade di trequarti. 3-5-2: non è in grado di fare la mezzala che si butta dentro, anche per una tecnica di tiro insufficiente. L’unica “logica” di Verratti IN sarebbe Pjanic OUT; le mie virgolette dicono tutto, impossibile. 4-3-3/4-3-2-1? Inizieremmo a ragionare.

 

 VERRATTI SI’ O NO?            

 

 SCARPA 

Forse la Juve ci proverà per Verratti in ogni caso, ma a quelle cifre e con quell’ingaggio (per tacere delle vecchie frizioni col PSG) io virerei decisamente su un centrocampista con doti opposte a quelle –limitate- del giovane Marco. E poi, a quelle cifre si compra un vero Top Player e Verratti non lo è e non lo sarà mai. NO!

 SCUTIERO 

La scorsa estate non credevo che la Juve spendesse 90 milioni per Higuaín. Oggi non credo spenda 2/3 di quella cifra per Verratti; spero di sbagliare, perché trattasi di un “quasi ‘93” raro. Quando il fatturato cresce, le possibilità aumentano. Arrivasse, piaccia o non piaccia, avremmo confidato in Zeman, Ancelotti, Luis Enrique, T.Silva, Pirlo, Buffon…E soprattutto, come sempre, in Agnelli, Nedved, Marotta e Paratici. Non male, dai. Assolutamente SI’!