UEFA, prima e ultima parola

di Giacomo Scutiero |

L’ammissione alle competizioni UEFA per club deve sempre essere basata sul merito sportivo. È opportuno considerare tutte le opzioni per portare a termine i campionati che stabiliscono gli accessi alle competizioni europee.

 

Soprattutto questo deriva dalla videocall del comitato esecutivo dell’organo di Nyon, altresì sono state ingenerate importanti direttive:

◼︎ Il piano della ripartenza dei campionati deve essere presentato dalle federazioni nazionali entro il 27 Maggio
◼︎ I campionati stessi debbono terminare entro il 3 Agosto; se questo non sarà possibile perché la ripresa non avverrà entro Giugno, sarà opportuno agevolarne la conclusione con modalità alternative (per esempio, via play-off)
◼︎ Se i campionati saranno annullati, la classifica legittima sarà quella dell’ultima giornata disputata completamente
◼︎ Se Champions League ed Europa League non ripartiranno parallelamente ai campionati, saranno subordinate a questi (es. Agosto)

 

Le federazioni e le leghe hanno il dovere di determinare le posizioni finali nelle competizioni nazionali, ovvero quelle per le competizioni europee della stagione successiva.

Ciò detto, l’ultima parola spetterebbe comunque all’UEFA: questa può accogliere oppure arrestare l’introduzione dei club protagonisti di un campionato interrotto in anticipo secondo criteri direttivi del merito sportivo e dei princìpi obiettivi, trasparenti e non discriminatori.