Tutte le criticità del tridente Higuain-Ronaldo-Dybala

di Michael Crisci |

Alla vigilia di Juventus-Spal, Maurizio Sarri aveva accennato all’idea di poter vedere insieme contemporaneamente Higuain, Dybala e Cristiano Ronaldo. Nella mattinata della vigilia, alcuni quotidiani avevano rilanciato l’idea in chiave Bayer Leverkusen, anche se Sarri pare aver spento sul nascere tale velleità, adducendo una probabile mancanza di equilibrio con i 3 in campo nello stesso momento. Il tecnico ha comunque precisato che l’idea di tridente potrebbe essere fattibile principalmente a gara in corso, tanto che se Pjanic non avesse sbloccato il risultato contro la Spal, avremmo potuto avere un assaggio di questa variante tattica già contro gli emiliani.

Ma, ragionando a priori, sarebbe un tridente attuabile?

Innanzitutto bisogna partire da un assunto; per lo staff tecnico, i 3 sono a tutti gli effetti dei numeri 9. Su Dybala è ben noto il progetto tecnico-tattico del toscano, ovvero quello di farlo rendere da falso 9. Sui suoi tentativi di convincere Ronaldo ad accentrarsi si è già ampiamente scritto e detto.

Di sicuro, la maggiore criticità risiederebbe nella difficoltà di riempire l’area di rigore (non è un caso che gran parte del mercato si sia speso, in maniera infruttuosa, sulla ricerca di un attaccante d’area). Ronaldo vuole agire sull’esterno (anche se Sarri sta tentando in, maniera graduale, di avvicinarlo alla porta), mentre Dybala oramai ha la tendenza a giocare dietro; una delle cose che venivano rimproverate ad Allegri era proprio l’allontanamento dalla porta del numero 10 argentino. A Brescia, ad esempio, Dybala ha agito lontano dall’area, ma ha regalato una prestazione di continuità e qualità come mai aveva fatto nell’ultimo anno (dalla partita di Old Trafford insomma).

Per quanto riguarda Higuain, le problematiche sono anche qui attitudinali; l’attuale Higuain agisce oramai da trequartista, e lasciarlo come perno dell’attacco, fisso in area, potrebbe davvero squilibrare la squadra, che avrebbe almeno due giocatori in meno in fase difensiva, Higuain appunto, e Ronaldo (senza contare Khedira…).

Da questo si deduce che tutto il lavoro difensivo in non possesso sarebbe sulle spalle di Dybala, che quindi potrebbe non avere la libertà di cui ha fruito con Aaron Ramsey, con cui ha dimostrato anche di saper fraseggiare in velocità palla a terra.

Dunque, le parole di Sarri non sono state pronunciate a caso; il fascino di vedere i 3 la davanti non può superare gli scompensi che questa soluzione, specialmente dal primo minuto, comporterebbe. E infatti, per la gara contro i tedeschi il favorito nel ruolo di trequartista sarà Aaron Ramsey. Se poi la partita renderà necessaria una svolta, un azzardo, probabile che Sarri possa anche avvalersi di questa soluzione d’emergenza. E questo, chissà, potrebbe valere anche per il futuro. Chi vivrà, vedrà.


 JUVENTIBUS LIVE