La trattativa Guardiola e l’agenda Sarri

di Luca Momblano |

20 giorni dall’esonero di Allegri. La Juve è ancora senza allenatore.
Cosa sta accadendo in questi giorni?

Le domande che tutti si pongono e le risposte dell’uomo a cui tutti si affidano (ma non possiede deleghe per fare trattative e firmare contratti):

 LA CLAUSOLA DI PEP 

Sandro Scarpa: La triade Agnelli-Nedved-Paratici decide di cambiare, Guardiola da l’ok, ma dice “Io ci sono, mi piace il progetto, ma sono sotto contratto”. Fin da subito si parla di una clausola di uscita dal City (in caso di mancata accesso in Champions e della possibilità che essa riguardi anche eventuali squalifiche)? La Juve non ha considerato che la squalifica sarebbe arrivata troppo tardi?

Luca Momblano: Ciò che risulta a noi da subito è che Guardiola è preoccupato e infastidito dalle pieghe societarie del City, quindi quasi a prescindere dalla sentenza perché comunque tutti sappiamo (tanto più chi lavora al City) che al timone di quel club c’è un potentato. La clausola è uno scenario inizialmente tenuto lì, poi indagato a fondo da chi di dovere per avere una strada di possibile garanzia per arrivare comunque al finale per il quale le parti si sono impegnate. Possiamo andare tranquillamente fino a metà mese, non solo per la scadenza tecnica della clausola in questione. Possiamo andarci perché siamo la Juve, anche se sembra paradossale.

 

 LA TRATTATIVA GUARDIOLA 

Scarpa: La Juve ha la disponibilità di Guardiola, condizionata dalla trattativa col City. Qual è la strategia? E’ la Juve a trattare col City? E’ Pep? Si confida solo nella clausola?

Momblano: La Juventus non ha mai preso in considerazione, da ciò che ho dedotto, di trattare direttamente con il City. O meglio, sicuramente non ha nessuna intenzione di farlo alla luce del sole o peggio ancora su una battaglia legale. Pep (sostenuto alle spalle dal fronte di sua competenza così come dai delegati di Juventus) invece può andare per conto suo, e risulta ci siano stati e ci siano ancora tentativi in questo senso, mai così pessimistici fino a pochi giorni fa.

 

 

 SARRI PIANO B O C? 

Scarpa: Le chance di avere Guardiola sono così ghiotte che la Juve chiude con Allegri. Conte è apprezzato ma c’è il veto di Agnelli o lui non può e non vuole aspettare. La Juve individua Sarri (e Inzaghi) come piani B o C o D, perché Zidane e Klopp sono blindati, Pochettino è arduo o magari è pre-allertato dal City. La Juve ha blindato Sarri perché non ha certezze su Pep? Il toscano è preferito ad altri (Pochettino) solo per l’esperienza in A?

Momblano: Scenario credibile. Sull’ordine di ciò che c’è stato e c’è alle spalle della candidatura Guardiola siamo all’esercizio di stile e dal mio punto di vista non ci sarà nessuno che avrà avuto ragione né torto.

 

 

 UEFA VS CITY (E NOI IN ATTESA) 

Scarpa: Juve e Guardiola stanno facendo pressione congiunta per liberarlo prima della sentenza? Il City si muove annunciando battaglia legale (perché è consapevole della squalifica?), è realistico per loro pensare di costringere Guardiola a restare? Per avere un tecnico “scontento” e rivincere la Premier il prossimo anno e puntare la Champions tra 2 o 3?

Momblano: Siamo tutti uomini troppo piccoli, pure Guardiola, per pensare di immedesimarsi nello sceicco e guidarne le reazioni. Ho però ragione di ritenere che il City -e un po’ tutte le parti in causa- siamo a perfetta conoscenza della linea intrapresa dalla UEFA in prima battuta che comunque si riferisce a indagini per fatti gravissimi che non assomigliano nemmeno da lontano a casistiche cui abbiamo assistito più da vicino (es. Il Milan). Non è un rosso di bilancio, è una verifica su quello che sostanzialmente sarebbe un comportamento truffaldino che compromette il rapporto di fiducia tra gli stessi club e da parte dei club sull’UEFA. Visto che oltretutto l’indagine parte -ma non si limita- da documenti che sono stati in qualche modo resi pubblici. Comportamenti risalenti al 2014 e che -per deduzione- possiamo immaginare si siano ripetuti in tutta tranquillità e verificabilità anche in tutti gli anni successivi. E attenzione: siamo sicuri che Guardiola non finisca menzionato nel dispositivo? La partita (della UEFA e del City) è delicatissima. Noi siamo pronti come conseguenza tecnica naturale per un cambiamento che Guardiola, da quel che risulta, ha deciso oramai diversi mesi fa. 

 LE CERTEZZE DI E SU SARRI 

Scarpa: Come si sposa questa trattativa Guardiola col fatto che Sarri (e Ramadani) secondo tutti i media sia sicurissimo di essere della Juve? O Sarri e Ramadani (agente anche di Koulibaly e Pjanic) sanno bene che la Juve gioca su più fronti e hanno comunque anche loro un piano B (Milan)?

Momblano: questa è una parte interessante perché incontrovertibile. Sarri si sente già il prossimo allenatore della Juventus. Juventus non ne parla, a parte qualche imbeccata qua e là di Paratici nel senso che Sarri è uno dei pochi allenatori che da qualche settimana viene inserito in frasi off the records più o meno di facciata. Dall’altra parte invece si spendono tranquillamente tutti: parla Ramadani, parlicchia Sarri, parlicchia il figlio di Sarri, parla Bertelli (anche lui ancora sotto contratto al Chelsea dove è stimatissimo). Devono solo più scegliere la casa a Torino, dove magari invece l’ha già scelta Guardiola. Chi vivrà, allenerà.