Torneo èchampions: da Panita a Manita, la Juve schianta il City

di Sabino Palermo |

Dopo l’esordio vittorioso nella gara di ritorno contro il Lione, la Juventus di Luca Momblano (e collaboratori) domina l’andata dei quarti di Finale di e-Champions contro il Manchester City guidato da Bernardo Corradi. Un 5-1 che non lascia spazio a dubbi, in cui il protagonista assoluto è stato Cristiano Ronaldo (autore di un poker eccezionale).

PARTENZA A RAZZO – Schieramento a sorpresa per gli uomini scelta da Juventibus. Difesa a 3 con de Ligt, Bonucci e Chiellini (mai vista con Sarri in stagione) e attacco lasciato all’intraprendenza di Dybala e Douglas Costa dietro a Ronaldo. Ma sono le fasce il vero punto nevralgico di inizio partita: Cuadrado e Alex Sandro dominano i rispettivi avversari (tra cui l’ex João Cancelo) e macinano chilometri avanti-indietro. La prima rete suggella la superiorità bianconera: al 6’ Cuadrado parte palla al piede e buca centralmente la difesa City fino a battere l’incolpevole Ederson. Il raddoppio arriva quasi immediato, con un’azione fotocopia alla trasferta di Verona: Ronaldo s’invola dalla trequarti, affiancato da due uomini, ma ha lo spazio per far male e conclude benissimo col destro per il raddoppio. Appena 10 minuti e siamo sopra già 2-0.

IL CITY RIAPRE MA NON FA PAURA – Il primo tempo, in realtà, rimane piuttosto in equilibrio rispetto al resto del match. Infatti, nonostante il doppio svantaggio, gli uomini di Corradi tentano di rendersi pericolosi. I tentativi di Bernardo e Cancelo, però, sono vani fino a metà di frazione. È proprio la coppia di destra a confezionare il 2-1, con la conclusione di Silva dal limite a bucare Szczesny sotto la traversa. La Juve paga l’ingenuità di Alex Sandro nell’occasione, ma risulta comunque conscia di poter resistere agli attacchi dei Citizens. Perciò, senza particolari sussulti, il primo tempo si chiude col minimo vantaggio bianconero.

FOTOGRAFIA DI UN POKER – Nella ripresa, dopo un inizio tutto di marca inglese, sembra poter esserci spazio per un ribaltamento del match. Invece, nel momento migliore del City, è Cristiano Ronaldo a svettare in cielo sull’assist al bacio di Cuadrado dalla destra: una rete unica e sensazionale per potenza e precisione. È la goccia che fa traboccare le poche certezze rimaste in casa Corradi, perché da quel momento la Juve dilagherà senza alcuna pietà. CR7 continua la sua battaglia personale contro Ederson, trafiggendolo prima con un sinistro a fil di palo (ennesimo assist di Cuadrado) e poi con un’azione di astuzia in ripartenza su tocco sublime di Pjanic. Siamo 5-1 e manca ancora un quarto d’ora: bosniaco trequartista e dominatore, mentre Dybala (spento) lascia il posto a Higuain.

TRIONFO BIANCONERO – Gli ultimi 15’ sono pura Accademia per gli uomini di Momblano, i quali avrebbero anche più di una chance per aumentare il divario. Due volte Higuain si divora letteralmente il 6-1, poi ancora Cristiano va vicinissimo alla cinquina personale col palo a dirgli di “no” da due passi. City che prova il tutto per tutto con l’inserimento di Aguero, ma Corradi non trova mai lo spiraglio per riaprire il match in vista del ritorno. Si conclude con una vittoria roboante l’andata dei Quarti di e-Champions. Momblano e soci, grazie al talento individuale e ad una gestione pressoché perfetta, sono ad un passo dalle Semifinali.

 TOP E FLOP

TOP

Cristiano RonaldoPoker d’antologia di fronte al pubblico dell’Allianz Stadium. Dopo i due assist contro il Lione, si sblocca definitivamente e segna in tutti i modi possibili. In contropiede solitario, di testa tra le nuvole e col sinistro a fil di palo. Letteralmente immarcabile. Il Re.

Juan CuadradoFascia destra dominata dal colombiano che non lascia assolutamente scampo ai suoi avversari. Douglas Costa si accentra e lui si prende il campo ogni volta che può. Rete bellissima, dopo un’azione personale pressoché perfetta, e due assist “al bacio” per CR7. Prestazione sontuosa.

Blaise MatuidiIl francese, fresco di rinnovo fino al 2021, fa sentire la sua presenza in mezzo al campo a suon di anticipi ed interventi ruvidi ma efficaci. Annulla il centrocampo del City, evitando qualsiasi grattacapo alla retroguardia bianconera. Uno scudiero perfetto per Pjanic che, a sua volta, non può far altro che innalzare il suo livello di gioco con un compagno così al suo fianco.

FLOP

Paulo DybalaLa Joya in questa E-Champions sembrava poter essere il partner ideale per Cristiano, soprattutto dopo la rete “spacca-ghiaccio” contro il Lione di settimana scorsa. Invece, nella serata del Re, Dybala è oscurato dalle giocate del portoghese e non trova mai il modo di essere pericoloso e far intravedere il suo sconfinato talento. Rimandato.

Gonzalo HiguainParte dalla panchina, ormai relegato a seconda scelta da mister Momblano. Entra a 20 minuti dalla fine, ha due occasioni colossali e non riesce a sfruttarle al meglio. Se ci si aspettava un ruolo all’Altafini, ora come ora ci si aspetta anche la media realizzativa dell’italo-brasiliano. Cartucce bagnate.

Alex SandroDopo la prestazione magistrale contro il Lione, sublimata da una perla dalla distanza, il terzino brasiliano soffre l’irruenza offensiva di Cancelo. Fatica ad attaccare con continuità e si fa beffare da Bernardo in occasione del 2-1. Arretrato nella ripresa, soffre con diligenza e viene sostituito – stremato ed ammonito – da un Danilo in buona forma difensiva. Riposati ch’è meglio.