Torna la Champions, tornano le emozioni forti

di Juventibus |

Torna la Champions e, a commento del match in presa diretta, torna il dialogo semiserio (non senza qualche “aiutino” alcolico) tra i due autori di Juventibus Giuseppe Gariffo e Valeria Arena. Dopo esser stata di buon auspicio nella scorsa primavera, in occasione della vittoria rocambolesca contro l’Inter e della Finale di Tim Cup, anche stavolta la chat ha coinciso con una vittoria bianconera, all’inizio della #RoadToMadrid

Doc Gariff, [19 set 2018, 20:42:57]:
Si ricomincia, Vale. Da Ronaldo a Ronaldo. Quel rigore sparato nel sette al 93’ ci risveglio dal sogno dell’impresa leggendaria al Bernabeu. Cosa avresti risposto, quella sera, se ti avessero detto che la prossima partita in Champions l’avremmo giocata con CR7 nel nostro undici? Che adrenalina! Questa coppa mi gasa, nonostante le lacrime e le delusioni. È un’aritmia che crea dipendenza.

Valeria Arena, [19 set 2018, 21:00:51]:
Avrei riso in faccia al mio interlocutore, che altro potevo fare. Questa non è operazione da senno di poi, anzi, ha ancora dell’incredibile anche se siamo tornati ai soliti tormenti dei giovani Werther su Allegri. Sembra che abbiamo ricominciato da dove avevamo lasciato, ma allo stesso tempo sembra passata un’eternità da Cristiano al Real, Bonucci al Milan, Caldara e Higuain. Rivoluzione e conservazione.

Doc Gariff, [19 set 2018, 21:16:38]:
È già tanto non poter temere di vedere Sturaro nella distinta dei titolari. Max a volte cedeva alla tentazione di schierarlo, magari a “spingere” sulla fascia. Non mi aspetto, e i primi minuti mi danno ragione, una Juve che devii dal concetto di “halma” allegriana. Ma vorrei vedere autorevolezza, coscienza di sè e, soprattutto, zero paura. È o no il nostro obiettivo?

Valeria Arena, [19 set 2018, 21:27:15]:
Non si devia mai dal concetto di calma, questo mi pare un fondamentale. Calma e paziente sì, ma resta una squadra ansiogena, nel senso che non ti rilassi neanche al 93esimo.
Intanto siamo a tre (ma pure quattro) gol mangiati sulla stessa mattonella da giocatori diversi, quello più clamoroso di Khedira che poi si spacca. Vuoi vedere che gli Dei ascoltano le urla e i pianti dei poveri mortali? (Ecco, con Emre in campo mi comincia a diventare difficile non ascoltare gli ormoni, chiedo scusa preventivamente).

Doc Gariff, [19 set 2018, 21:38:27]:
L’arbitro di porta che non ha visto nulla al Bernabeu, ha visto tutto (cioè il nulla) stasera. Pazzesco che nella competizione calcistica più ricca al mondo si possa buttar fuori così, all’esordio con la nuova maglia, il calciatore più importante, rovinando la partita senza che la tecnologia possa intervenire. Un po’ come andare a New York in gommone nel 2018. Prima espulsione in carriera in Champions, alla prima con la maglia della Juve. Fatti e numeri che ti fanno venir voglia di spegnere la TV.

Valeria Arena, [19 set 2018, 21:52:41]:
Siamo d’accordo, cazzata colossale, ma i quattro gol davanti alla porta LI DEVI SEGNARE. Tu sbagli assai e l’arbitro ci mette la ciliegina. Ripeto, gli Dei mica esistono per niente: errore e punizione. E infatti, arriva il rigore dopo la cazzata, è l’universo che tende all’equilibrio. Scherzi e sproloqui a parte, ma il piede teso davanti alla faccia è meno rosso di una leggera strigliata di capelli? Anzi, no, non lo voglio sapere, non mi interessa.

Doc Gariff, [19 set 2018, 22:06:21]:
Spero che Max metta dentro Douglas e che riusciamo a infilarli in contropiede. Sennò per arrivare al 95’ in condizioni accettabili non basteranno gli ettolitri che di Spumante Alta Langa Docg che sto tracannando.

Valeria Arena, [19 set 2018, 22:16:59]:
Che senso dello spettacolo, questa partita. Ci volevano Trevisani e Adani a commentarla. Chissà se arriviamo sani, noi a casa e i giocatori in campo, a fine partita. Per altro, pensavo che nel giro di quattro giorni sono arrivati due espulsioni e squalifiche pesanti (per condotte completamente diverse e non comparabili in mondo normale) per due insospettabili. Ah, la vita! (Io limoncello, comunque).

Doc Gariff, [19 set 2018, 22:26:53]:
A me dispiace infatti non poter ascoltare Repice alla fine. Era quello in grado di farmi rivivere il battito cardiaco del match anche a giorni di distanza. L’arbitro invece stasera sembra fischiare in base a input ormonali, mi sentirei più tranquillo se arbitrasse Varriale, sai?

Valeria Arena, [19 set 2018, 22:37:50]:
Per mantenere il livello “partita più pazza del mondo” Allegri cambia Pjanic per Douglas e lascia Mario a zombiezzare per il campo. E lo dico io che son più mandzukicer di Max, solo che non voglio morire giovane, ecco. Certo, senza Barzaglione si sentirà perso pure lui, c’è da capirlo.

Doc Gariff, [19 set 2018, 22:49:20 (19/09/18, 22:49:53)]:
Per vincere la Champions servono classe, culo, fisicità, gioco di squadra e palle. Stasera abbiamo avuto solo l’ultima di queste qualità. Ma roba da Rocco Siffredi, davvero…! Poi non ho capito bene il livello dell’avversario, magari lo scopriremo più avanti. Ma comunque la condizione psicologica e ambientale che era maturata al minuto 28 non mi avrebbe mai fatto pensare che al 90’ saremmo stati sopra 2-0, con il solo recupero da giocare. Odio la retorica veterogobba sulle palle e la garra, ma stasera come possiamo non parlarne?

Valeria Arena, [19 set 2018, 22:58:07]:
Bisogna ammetterlo quando c’è, senza sviolinate e robe simili, che poi è il motivo per cui certi giocatori rimangono in campo pure monchi, piaccia o no.
Che bel finale, unico possibile per una partita di questo genere! L’arbitro non sarà un arbitro vero, sarà uno sceneggiatore bravo. Calma e ansiogena, vedi? Comunque Szczesny grande partita eh, volevo scriverlo.

Doc Gariff, [19 set 2018, 23:12:06]:
Finita. In fondo è la Juve che volevo vedere sin dall’inizio del girone. Magari con altre modalità, con CR7 sul tabellino in una casella diversa da quella dei rossi. Ma senza paura, con la consapevolezza che, qualunque cosa capiti (e oggi di cose ne sono capitate, fino al rigore parato), siamo la Juve e il girone va sbranato, come possiamo fare e come non abbiamo mai fatto negli ultimi 10 anni. Per far capire al mondo che intenzioni abbiamo e che, semmai, sono gli altri a dover aver paura quando ci vedono nel tunnel che porta al campo. Mi scolo le ultime gocce di Alta Langa, dai. E invece cosa c’è scritto sul fondo del tuo bicchierino di limoncello?

Valeria Arena, [19 set 2018, 23:28:10]:
C’è scritto che, forse, è la prima Champions che non mi fa paura, il che non vuol dire che la alziamo facile facile a Madrid, vuol dire che quest’anno ci siamo e che la nostra presenza mi pare bella pesante. Poi certo, la competizione è lunga e sappiamo bene che gli episodi qui sono fondamentali, e altre banalità di questo tipo, ma il livello si è alzato notevolmente (e parlo dei singoli, di gioco neanche ci provo).
Chiaramente alla prossima in casa con lo Young Boys sclero dopo il primo tempo finito 0-0 . Scrivo così per la fare la splendida, la donna, così come il tifoso, è mobile.