Top 10 gol bianconeri più belli del 2017

di Michael Crisci |

milan-juve

Un anno intenso, pieno di gioie, illusione e qualche mazzata. Un anno, il 2017, contraddistinto forse da una delle rose più qualitative della storia bianconera. Inevitabile quindi imbattersi in alcuni gioielli di rara bellezza. Ne abbiamo scelti 10, per voi, per salutare l’anno all’insegna dell’arte e del bello

 

10) Dani Alves vs Atalanta (Serie A 16\17): Al decimo posto della top ten il gol di core ingrato Dani Alves contro l’Atalanta. Non servirà per battere i nerazzurri, che pareggeranno di li a pochi minuti, ma vista la sconfitta della Roma nel derby di due giorni dopo, assumerà l’aurea di gol scudetto. Un gol che ricorda i bei tempi della connection Pirlo-Lichtsteiner negli anni contiani; in questo caso, a prendere il posto di Mozart Andrea ci pensa Miralem Pjanic. Sul suo perfetto tracciante si avventa, sulla linea del fuorigioco, il brasiliano, che con un tuffo di testa gela Berisha, prima di lasciarsi andare in un’incontenibile esultanza

 

 

 

09) Pjanic vs Milan (Coppa Italia 16\17): Questa è una delle punizioni più belle del bosniaco da quando ha firmato con la Juventus. La Juve, già in vantaggio con Dybala, grazie a questo gol metterà in cassaforte il passaggio alle semifinali di Coppa Italia, rendendo vano il gol di Bacca nella ripresa. La tecnica è sempre la stessa: destro a giro teso e inesorabile, che non lascia scampo al portiere. Donnarumma ha ricevuto critiche per il suo posizionamento, ma la realtà è che non avrebbe mai potuto farci niente

 

 

08) Higuain vs Milan (Serie A 17/18): La Juve torna a sbancare San Siro dopo un anno e mezzo, e la serata ha un mattatore: Gonzalo Higuain. Ma entrambi i suoi gol sono frutto di azioni corali ed elaborate. Soprattutto il primo coinvolge, oltre al numero 9, anche gli altri due giocatori più tecnici dell’11 bianconero: Pjanic, abile a trovare il corridoio centrale, e Dybala, in una delle sue prestazioni migliori del suo opaco finale di 2017, perfetto nel servire Higuain col destro (!!) e coi tempi giusti al limite dell’area di rigore. Al resta ci pensa Higuain, con un destro potente all’angolino che non lascia scampo a Donnarumma

 

 

07) Dybala vs Lazio (Supercoppa Italiana ’17): Una brutta partita, una brutta sconfitta quella patita dai bianconeri a metà agosto contro la Lazio di Simone Inzaghi. Un inesorabile 2-0, una rimonta insperata, e poi la beffa finale firmata Murgia. Una punizione e un rigore calciati da Paulo Dybala illudono i bianconeri di raggiungere almeno i supplementari, e soprattutto la punizione resta una delle migliori calciate dal funambolo argentino con la maglia della Juventus. Un tiro a giro di sinistro illuminate, che fulmina un incolpevole Strakosha

 

 

06) Higuain vs Napoli (Coppa Italia 16/17): Aprile 2017 pieno zeppo di impegni tosti per la Juventus: spicca la doppia trasferta ravvicinata di Napoli. Dopo il pareggio in campionato, la Juve torna al San Paolo per difendere il 3-1 casalingo dell’andata e per guadagnarsi il biglietto per la terza finale di Coppa Italia consecutiva. Dopo il primo vantaggio firmato dal Pipita, il Napoli pareggia con Hamsik, ma è ancora l’argentino a rimettere le cose apposto, concludendo con un potente destro sotto l’incrocio un’elaboratissima trama corale. Un errore di Neto riaprirà la gara che vedrà vittorioso il Napoli, ma qualificata la Juve

 

 

05) Dybala vs Barcellona (Champions League 16/17): Partita questa che ovviamente non ha bisogno di presentazioni. Una delle più belle dimostrazioni di forza della squadra bianconera da quando è tornata ad essere una realtà europea. Due gol di Dybala, nel momento più alto della sua esperienza bianconera fino a questo momento. 2 gol d’autore, ma il primo figlio di un’altra eccelsa azione corale: Higuain-Cuadrado-Dybala, e dopo 7 minuti la gara viene già indirizzata. Sarà trionfo, lo sappiamo, e sorridiamo compiaciuti nel ricordarlo

 

 

04) Higuain vs Napoli (Serie A 17/18): Un infortunio alla mano non impedisce a Gonzalo Higuain di tornare nella sua vecchia casa. La Juve rischia di scivolare a -7 dal Napoli, e il Pipita, pungolato nell’orgoglio da alcune piccate dichiarazioni sponda Napoli, non se la sente di abbandonare i compagni sul più bello. Sarà decisivo, in quello che ad oggi resta il gol più bello dell’attuale stagione. Il manuale del perfetto contropiede: Douglas Costa ruba palla nella trequarti del Napoli, salta un paio di uomini, scarica su Dybala e corre verso l’area, attirando Albiol e Koulibaly; Il numero 10 avanza verso la trequarti e con tempismo perfetto serve Higuain che si appresta a entrare in area; l’argentino, con un perfetto stop a seguire, si presenta solo davanti a Reina, e lo fredda infilandolo sul suo palo, il tutto in 10 secondi netti!

 

 

03) Dani Alves vs Monaco (Champions League 16/17): Ai piedi del podio ritrovato l’amato e odiato Dani Alves. Nel momento di maggiore onnipotenza calcistica, il brasiliano firma al ritorno di semifinale di Champions contro il Monaco uno dei gol più belli della sua carriera, impattando in maniera meravigliosa col collo del destro una respinta corta da angolo di Subasic. Il fu Juventus Stadium esplode estasiato da cotanta bellezza

 

 

 

02) Mandzukic vs Real Madrid (Champions League 16/17): Che pugnalata questo gol. Medaglia d’argento di questa top ten, ma che purtroppo non è valso a evitarci quella medaglia d’argento. Un gol che ha illuso milioni di juventini sparsi nel mondo, così bello e così crudele. La Juve è in svantaggio, colpita all’improvviso da Cristiano Ronaldo. I ragazzi di Allegri raccolgono le ultime energie a disposizione e sfoggiano 20 minuti ad alto livello. E qui arriva la perla del croato, assistito da Higuain dopo una precisa sponda di Alex Sandro. Il resto è storia, amara, molto amara

 

 

 

01) Higuain vs Monaco (Champions League 16/17): Sul gradino più alto del podio non poteva però non stagliarsi la meravigliosa azione del vantaggio a Montecarlo. Un’azione che è entrata quasi nell’immaginario collettivo, come esempio di coralità. Un gol di squadra, che pullula di gesti tecnici sopraffini, di tempismo e di fame feroce, quella di Higuain, terminale finale di questa splendida azione, conclusa a urlare tutta la rabbia per quel gol europeo che tardava ad arrivare, li sotto, nel settore riservato ai tifosi della Juventus. Inutile descriverla, le parole non sarebbero sufficienti. Bisogna solo ammirare