Toglietemi tutto, ma non Joao Cancelo

di Francesco Cionfoli |

Se c’è un ruolo nel calcio moderno in cui veramente pochi riescono a fare la differenza è il terzino. La Juventus solo un anno fa ha scelto con lungimiranza il suo terzino destro, che poi è forse più ala per le sue doti prettamente offensive; lui, Joao Cancelo, o usando le parole del CFO Fabio Paratici “quel fenomeno di Cancelo”. E infatti, a mio avviso, di fenomeno si tratta, ragionando di prospettiva.

Cancelo è un classe 94, ancora abbastanza giovane ma pronto per la sua età a fare lo step successivo che ti consacra campione.  Ci si chiede allora il perché della sua possibile vendita (tra l’altro al Manchester City, una delle tante concorrenti per la Champions), il perché dopo un solo anno che è cosa rarissima per la Juventus che ha investito 40ml sul giocatore.

Siano motivi tecnici, economici o disciplinari poco importa, perché la Juventus ora ha raggiunto un livello pari alle altre big e non può perdere i più forti nei rispettivi ruoli, sostituendoli con giocatori di valore sicuramente inferiore e che sono soliti sedersi in panchina nei club in cui “giocano”; non è più tempo dei giocatori da squadre medie, di esclusi, di caduti nel dimenticatoio in attesa di piazzarli altrove; non ci deve essere posto nella squadra bianconera attuale per gli Hysaj, Darmian o Danilo. Quest’ultimo sarebbe il sostituto di Cancelo nello scambio col City: indubbiamente questa trattativa avviata infastidisce e preoccupa i tifosi bianconeri, più di quella Dybala-Lukaku.

Si, perché Cancelo non saprà difendere, ma è troppo più forte in avanti; quando serve il dribbling, la giocata, il cross pennellato lui c’è e in circolazione a parte altri imprendibili come Arnold, non vedo terzini degni di sostuirlo.
L’unico che forse poteva essere un buon sostituito,almeno per esperienza e buon cross era Trippier: era appunto perché è già stato venduto all’Atletico Madrid.

In Europa vince chi attacca, osa e offende:basti guardare Liverpool,Real e Barca,ultime vincitrici della coppa europea, con terzini super offensivi, di spinta e qualità. Inoltre ormai il buon Alex Sandro “è diventato un giocatore serio”, che più che attaccare(ahimè prima gli riusciva bene) difende abbastanza bene; Sarri così avrebbe 2 terzini forti nel panorama europeo che si completano e bilanciano a vicenda.

Più dell’incubo per il goal subito ad Amsterdam per errore del nostro terzino destro, io ricordo con piacere l’azione con assist per Ronaldo (il classico goal che assegna più merito all’assist man) e il delizioso cross sempre per CR7 contro l’Atletico.
Di fotogrammi del genere non vorrei esser mai sazio, e so che “quel fenomeno di Cancelo” può ancora regalarci emozioni lasciando agli altri i brutti ricordi.

Gli altri si, toccatemeli, ma Joao Cancelo no!


JUVENTIBUS LIVE