10 Talking Points: Juve-Samp, novità, freschezza e CR7

di Gianlorenzo Muraca |

Benvenuti a “10 Talking J-Points“, le dieci cose che ci ha detto Juventus-Sampdoria:

1. Buona la prima. Tante note positive, ma ancora troppo presto per dare giudizi, fare valutazioni o azzardare paragoni. Per quelli ci sarà tempo.

2. Idee chiare ed entusiasmo sono ingredienti che non possono mancare in una ricetta vincente e Pirlo sembra averli entrambi. Se riuscirà a trasmetterli alla squadra e all’ambiente fino alla fine della stagione, ci divertiremo.

3. Tre, come i gol segnati nella prima partita ufficiale della stagione. Altro aspetto confortante e da non sottovalutare. Si pensi che nella scorso campionato, su 38 partite, ne abbiamo concluse soltanto 4 vincendo con almeno 3 gol di scarto. Vittorie larghe, che divertono e iniettano fiducia, sono spesso mancate negli ultimi anni. Ci auguriamo che possano essere più frequenti in questa nuova era.

4. In attesa del numero 4, ci teniamo stretti il ritorno del capitano. Con lui lì dietro è un’altra musica.

5. Merita di essere sottolineata la ventata di novità e di freschezza portata dai nuovi arrivati McKennie e Kulusevski (in attesa di Arthur), autori di un ottimo esordio, coadiuvata dalla rivitalizzazione di giocatori smarriti (Ramsey su tutti). Ritrovare i calciatori persi e inserire al meglio i nuovi è uno dei (difficili) compiti di Pirlo, nonché una delle chiavi della sua Juve.

6. Tornare a sentire qualche coro è stato, a suo modo, emozionante. Senz’altro, già si respira un’atmosfera diversa rispetto al silenzio tombale di Giugno e Luglio. La strada è ancora lunga, ma è già un piccolo passo importante. Speriamo di farne altri presto.

(CR)7. Si riparte da lui, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia. Lunga vita al Re!

8. Tornerà Dybala (presto) e arriverà il centravanti (si spera presto), altre frecce per il nostro arco. Pirlo è stato chiaro: si cercherà di metter dentro quanti più giocatori di qualità sia possibile. C’è grande curiosità di capire in che modo, per quali partite e per quanto tempo.

9. Roma e Napoli prima della sosta, due settimane di fuoco, due appuntamenti che potranno già dirci qualcosa. Sarà comunque presto per tirare somme, ma senz’altro avremo qualche elemento di valutazione in più.

10. Cambiano il regolamento e le sue interpretazioni, ma i moviolari son sempre lì, pronti col veleno alla prima occasione utile. Un bentornato anche a voi, quanto ci siete mancati!