Er solito complotto – Speciale er go’ de Schick

di Massimo Zampini |

 

Oh, sta Roma me convince!

Sì, m’avete conquistato,

anche se, lo devo di’,

so’ partito sfiduciato

 

dall’addio der Capitano;

sai, nun riesco a sta’ sereno,

senza lui, me chiedo sempre:

vinceremo ‘n po’ de meno?

 

E l’estate nun dormivo

oh, stai male? Sei accardato?

No, ripenso a quer saluto,

quante lacrime ho versato…

 

Ma quand’ho comprato Schick

me so’ già ‘n po’ rinfrancato,

poi soffiato a quei bastardi

sta a vede’ che ‘sto mercato…

 

Ecco, se c’è ‘na giustizia,

‘a vendetta sarà quella

‘n ‘go de Patrick a Torino

dirà basta co’ la iella,

 

co’ sti anni de sconfitte

de batoste al loro stadio

de amarezze ‘n campo e fuori

lamentele sulle radio…

 

Ho distrutto pure er Chersea

con il loro Antonio Conte…

Dai che quest’è l’anno bono:

vinceremo anche ‘n Piemonte!

 

E poi st’anno nun se scherza

perché st’anno ce sta er Var,

lo vedremo se le nostre

erano chiacchiere da bar…

 

Se comincia co’ Higuain

cade e poi pare sveni’…

Bravo Var, er mio portiere

oh, mica po’ scompari’!

 

Sento popo ‘n’ aria nova

er destino sta a cambia’,

senza arbitri e rigori…

Noo, ha segnato Benatia!

 

Popo l’ex, esurta pure

cor gesto della mitraja

oh, sta gente nun conosce

er rispetto de la maja…

 

‘Na traversa de Florenzi,

daje Roma, io ce credo,

mo’ è entrato pure Patrick:

mo’ pareggia, me lo vedo…

 

Forza Roma, manca poco,

Pjanic pija ‘na traversa…

Vedi che nun è finita?

Vedi ch’oggi nun è persa?

 

Du’ minuti de speranza

Fazio, testa de Perotti…

Io m’appello ar mio Signore,

ar Natale, pure a Totti!

 

Me risponnono presente

co’n miracolo divino:

Benatia che lancia Schick

a volà verso ‘r destino…

 

Tutto solo verso Scesni,

lo sapevo ch’era scritto..

Co’r mio core che nun regge

e nun riesce a stare zitto!

 

Devi fallo perch’è giusto,

avemo sofferto troppo…

Quanti furti, quante truffe

ripijamose ‘r malloppo!

 

Schick avanza, tutto solo,

io nun reggo l’emozione…

Devi fallo pe’ Ardair,

pe’ quei guanti, pe’ Turone…

 

Quasi in porta… devi fallo

per i furti d’oggi e ieri,

pe’ quei tre scippi de Rocchi,

pe’r rigore su Gautieri!

 

Devi fallo pe’ mi fijo,

che da quann’è piccolino,

nun ha mai manco pe’ sbajo

fatto ‘n punto qui a Torino!

 

Patrick vola, io nun guardo,

vojo solo sentì Zampa

con er core che m’esplode,

l’emozione che divampa…

 

Urla “Schick” per ben 3 vorte,

apro l’occhi quanno tira,

‘n posso perdeme ‘r momento

mentre sta a prenne ‘a mira…

 

No!!! Ma che, me l’ha sbaijato?

No!!! Ma dai, je l’ha parato?

Er destino s’è scordato?

Er Natale rovinato!

 

Er Signore nun s’offenda

se bestemmio pe’ du ore

Ma hai capito ch’ha sbajato?

Molto peggio d’un rigore…

 

Er mio core che se spezza,

la mia voce che se blocca,

nun ce stanno più parole,

tutte ferme nella bocca:

 

artro che guanti e Turone,

er rigore su Gautieri…

Ora m’esce solo un urlo:

Nooo, ma limortanguerieri!