Sii come Immobile

di Mike Fusco |

Vuoi vedere che alla fine aveva ragione Pellè ?

La micidiale sosta per le Nazionali vissuta dai tifosi italiani con la trepidante attesa di chi aspetta il ritorno dei parenti partiti per la guerra si chiude per gli Azzurri con un bilancio ampiamente programmato nei numeri (4 punti erano il minimo sindacale) ma abbastanza criptico nel modo (non sappiamo neanche come).

Il proverbiale carattere di Ventura lo spinge ad infischiarsene delle critiche per la formazione poco “palleggiativa” messa in campo contro la Spagna e a proseguire per la sua strada varando una vera e propria rivoluzione verde che i manifesti leghisti sono niente a confronto,

ln

così presenta in quel di Skopje un centrocampo che pure Zeman direbbe “e mo chi cacchio copre ?”

Bernardeschi, Bonaventura e Verratti vertice basso sono un colpo alla prostata e alle coronarie di un non più giovane Barzagli e la giusta strada per la scomunica di padre Gigi  le cui bestemmie, in occasione degli svarioni dei centrocampisti, si son sentite fino alla vicina Medjugorie laddove Paolo Brosio preso dalla vergogna era impegnato a spiegare ai fedeli come in realtà non fosse il figlio segreto di Ventura, ma un’ intercessione dello Spirito Santo che invece dell’ arcangelo Ogbonna  aveva preso le fattezze di Edgar degli Aristogatti.

pizap-com14761119271151

E pensare che le cose si mettono subito per il verso giusto, con il gallo Belotti che ci porta in vantaggio e che fa fregare le mani al C.T. che già pregusta una bella ripresa fatta di catenaccio e contropiede come cuore toro impone.

Purtroppo però l’ etoile Verratti non è di questo avviso e neanche di questo sport così dopo essersi steso a pelle di leone fingendosi morto durante un’ azione d’attacco macedone, sale in cattedra ed offre il primo ed unico assist della sua partita, ma a Nestorovski.

Poco male pensa Ventura, un pareggio fuori casa è sempre buono e siamo in piena media salvezza, perché prendersela così tanto ? Ha fatto la promessa a Tavecchio di non retrocedere e state sicuri che la manterrà.

Neanche il tempo di ingelosirsi che subito Bernardeschi si mette al pari del suo compagno di reparto dando il là al raddoppio di Hasani. Ma le bestemmie non sono mai troppe ed ecco allora il nostro Supergigi salvare il 3-1 come solo un vecchio bollito fuori forma che dovrebbe cedere il posto a Donnarumma (cit. Sconcerti) sa fare.

L’ Italia a questo punto è a pezzi, contro la Macedonia sembra davvero che  siamo alla 

14522980_1205681096193652_30349535994750776_n

con  tutte le redazioni pronti con i coccodrilli più scontati di quelli per la morte del patron dell’ Esselunga.

Eppur qualcosa si muove, entra Sansone, riprendiamo la partita per i capelli e per contrappasso è proprio Immobile che si butta a capofitto in area per 2 volte rimediando dapprima un fuorigioco e poi il gol del pareggio gelando la Macedonia. (Vabbè basta)

A quel punto sale tutta l’ Italia e anche la pressione di Ventura tantevvero che Castellacci inizia a caricare il defibrillatore e proprio prima della fine ei fu, Immobile di nuovo, a dare il mortal sospiro alla partita.

Ventura alla fine parlerà di errori  inesperienza, di fatto gettando la colpa addosso a Tavecchio per la sua scelta come commissario tecnico, il quale possiamo scommetterci si giustificherà dicendo che lui intendeva quel bel pezzo di manza scosciata di Simona, non il vitello tonnato Giampiero.

Ma la cosa peggiore è pensare che per vedere tutto sto schifo ci avete fatto stare 2 settimane senza la Juve e già tremiamo al pensiero che tra un mese sarà la stessa cosa per la partita di girone contro il Liechtenstein ed a seguire un amichevole leggera e poco impegnativa contro la GERMANIA.

Ma chi li fa ‘sti calendari ? Era meglio quando li faceva la Marcuzzi !