Senza di te, Alessandro

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Senza di te non avrei mai amato così questo sport.
Senza di te non sarei stato così tanto juventino.
Senza di te magari sarei diventato chessò, astrofisico nucleare, perché avrei passato più tempo a studiare sui libri anziché a fantasticare sul calcio.
Senza di te la mia vita sarebbe stata a sbiaditi colori anziché immersa in un sontuoso bianconero.
Senza di te non avrei mai saputo che si può essere fuoriclasse universalmente riconosciuto, esempio per i bambini e uomo impeccabile, tutto allo stesso tempo.
Senza di te il numero 10 non avrebbe avuto un significato così affascinante e Baggio sarebbe stato il mio indiscusso idolo…poi arrivi te e spazzi via qualsiasi altra cosa.
Senza di te non avrei mai creduto che intelligenza, rispetto, educazione, fantasia, stile, classe, umiltà e bravura potessero essere doti proprie di un solo giocatore.
Senza di te la Nazionale ha perso di interesse.
Senza di te non avrei mai sognato dietro la magia racchiusa in alcuni tiri, in alcune giocate, in alcuni tocchi.
Senza di te mio figlio si sarebbe chiamato in un altro modo.
Senza di te fedeltà coerenza e appartenenza avrebbero avuto altri valori.
Senza di te non avrei avuto il petto pieno di orgoglio per una standing ovation epica al Santiago Bernabeu dedicata dagli avversari al mio CAPITANO.
Senza di te nessun altro avrebbe sgretolato record su record con una naturalezza così sconvolgente, come se fosse la cosa più semplice del mondo.
Senza di te non avrei mai visto dal vivo con i miei occhi lucidi di lacrime d’amore 40.000 persone applaudire, osannare e piangere per 20 minuti consecutivi in tuo onore.
Senza di te senza dubbio io non sarei quello che sono ora.
Buon Compleanno Alessandro Del Piero, COME TE NESSUNO MAI.

 

di Lorenzo Nicoletti