E se fosse scudetto Juve a Udine? Come quel Maggio 2002

di Valerio Vitali |

scudetto juve

Tra oggi e domani, potrebbe paventarsi l’ipotesi di uno scudetto Juve a Udine. Uno scenario altamente impensabile, quantomeno improbabile, solo a pensarci dopo il pari col Sassuolo. Nell’ultima settimana però molto è cambiato, visto il pari dell’Inter e la vittoria della Juve contro la Lazio. La squadra di Sarri potrebbe già domani sera laurearsi Campione d’Italia. Come? Auspicando una sconfitta o un pareggio dei nerazzurri e strappando i tre punti in Friuli.

Uno scenario questo che riporta alla mente rispetto a quanto accaduto in quel giorno di Maggio del 2002. Quello forse il giorno più bello o tra i più belli certamente della gloriosa storia bianconera. Lo stadio non sarà lo stesso di diciotto anni fa, tanto meno gli interpreti (uno poi è diventato addirittura allenatore dell’Inter), tranne uno: Gianluigi Buffon. E sì, perché in quel caldo pomeriggio friulano c’era proprio lui a difendere i pali della Vecchia Signora. All’epoca fu il primo della sua lunga carriera juventina, domani potrebbe invece essere il numero tredici (non ce ne vogliano in FIGC).

Assoluto protagonista, attore principale di un film da sliding doors è quell’Antonio Conte, che dopo il pari di Roma pareva aver cancellato la sua decennale storia con la Juventuscorreggendo poi il tiro con una lunga intervista. Oggi come allora, se così dovrà essere, varrà lo stesso principio: “C’è poco da parlare, stiamo godendo”.