Sarri, il vero top player è l’identità

di Francesco Cionfoli |

Quale allegria, senza nemmeno avere la soddisfazione di averti per vederti andare via?

Quale allegria, Douglas? Quale? L’ennesima illusione, l’ennesimo castello di sabbia e di rabbia si sgretola: Doughy si ferma ed alza la mano verso la panchina, l’ennesimo scongiurato gesto di sempre. Il tempo dell’attesa e delle speranze in lui è finito. Conta il presente e il futuro prossimo, i tempi in cui Maurizio Sarri è già immerso e sommerso. Ora devi svoltare Maurizio, devi modellare e creare a tua immagine e nostra somiglianza, devi effettuare una catabasi dentro la tua palus infernale, devi capire e ottenere risultati, bel gioco, e soprattutto UN’IDENTITA’ dalla tua squadra. Forse ci calzano bene entrambi, forse nemmeno uno su due, forse abbiamo giocatori troppo duttili e poco specifici, forse con Douglas.. beh solo con lui.. e senza?

Senza di lui (e deve essere una certezza per tutti da qui fino a fine stagione) si cambia ancora pelle, perchè quella delle ultime partite non si può più indossare, con la speranza silenziosa, oltre quella salda certezza, che un giorno possa tornare utile e unico. Abbandoniamo allora il 4 3 3, a meno che….Cuadrado ritorni ad occupare la posizione più congeniale; ciò implicherebbe la sicurezza di avere un titolare terzino destro che, a quanto pare, così sicurezza non è. E allora si torna al rombo o chiamatelo anche centrocampo a quattro: non si vedono altre credibili ipotesi, perchè della difesa a tre non vuole nemmeno sentirne parlare.

Si torna a credere in Ramsey, in quel potenziale visto prima e non più espresso. Del resto lo si può credere, poichè Aaron è tecnico, da inserimento e ultimo passaggio. Il suo adattamento al nuovo mondo resta però un grande dubbio, così come la sua condizione fisica, chiaramente non allo stesso livello degli altri. Se, come spesso facciamo, ci si aggrappa alla speranza, beh allora possiamo contare su di lui. Ma lo devi provare e riprovare da trequartista Maurizio, lo devi confermare anche se sarà difficile perchè sarai solo contro molti, lo devi, devi…MUMBLE MUMBLE…IDENTITA’.

E se il trequartista fosse un altro? Magari Bentancur! Beh si, del resto l’ho già provato in certe situazioni ed ha fatto ottime cose, l’assist contro l’Inter…è tecnico, ha l’ultimo passaggio e un buon tiro, non ancora l’inserimento…beh forse, beh potrei provarlo lì e farlo alternare spesso in partita con Ramsey mezz’ala destra. E’ una possibilità su diverse, ma la devo provare, devo…MUMBLE MUMBLE…IDENTITA’.

Ma come non ho fatto ad accorgermene, mah si che Pjanic, il mio regista imprescindibile non sta più rendendo lì come deve, ora lo vedo chiaramente…è super tecnico, grandi letture di passaggio spesso troppo coraggiose e nocive da fare davanti alla nostra area.. beh poì ha un grandissimo tiro, se penso a quei primi e ultimi 3 gol a inizio stagione… devo…Ma poi devo mettere Bentancur regista? In effetti l’ho già provato e lo considero affidabile come vice Pjanic, in fondo fa anche schermo e rottura per la sua fisicità…allora devo provare questo nuovo esperimento…magari svolto, tanto qualcosa la devo fare… MUMBLE MUMBLE…
IDENTITA’.

Allora basta pensare tanto poi torna Douglas, basta credere in questo falso MITO: qualcosa, o forse più, non va a prescindere dagli ottimi risultati ottenuti fin qui, che ci vedono in corsa su 3 obiettivi. Serve creare un’immagine delineata nelle sue misure e un pò sfumata nelle sue espressioni verso gli altri, creare un modello riconoscibile, studiabile ma non a pieno comprensibile, e quindi devastante e temibile per gli altri. Caro Maurizio, ogni grande squadra europea ha una chiara e precisa IDENTITA‘ su cui si è costruita e restaurata, coi suoi 11 di fiducia e massimo 3 dubbi causati da indubbio valore dei panchinari, stati di forma, tipo di partite e avversario. I tuoi e i nostri dubbi sono ancora tanti, bisogna svelarli e svelarci presto al panorama europeo per dire, nonostante tutto, ci siamo anche NOI.

Qui l’errore è in ciò che non si è fatto, nella diffidenza che fece esitare.


JUVENTIBUS LIVE