Sarri sulle orme di Montero… Essere Gobbi

di Alexander Supertramp |

Il nostro Mister Maurizio Sarri, ieri è stato ospite alla trasmissione in live streaming di Juventus Tv…Casa Juventus. Nata ovviamente in contrapposizione all’originale marcata Juventibus del nostro celeberrimo Massimo Zampini… (si scherza ovviamente…)

In questo periodo difficile per il paese e per il pianeta in generale, in molti sostengono che uno dei (pochi) aspetti positivi di questa situazione, sia quello che tutti facciamo molto più caso e diamo maggiore risalto alle cose davvero importanti della nostra esistenza, agli affetti, ai sentimenti, alla famiglia ed al senso di rispetto per la vita e per la civiltà.

In quest’ottica, il passaggio sicuramente più significativo riportato ieri dal Mister, è quello relativo alla contrapposizione, quasi paradossale tra odio ed amore, (i due maggiori motori della natura umana) che scaturiscono dall’essere gobbo. Usa proprio questo termine il Tecnico, essere Gobbi, che da un maggiore senso della portata spontanea e verace della dichiarazione.

Uno degli aspetti su cui tanti haters dell’allenatore toscano hanno battuto a fondo in questa prima parte di esperienza juventina, è proprio, o forse a questo punto era, quello di una sua scarsa propensione al nostro ambiente, alla nostra cultura ed alla nostra storia.

Le parole di ieri del Mister però forse sanciscono in modo definitivo la sua ormai entrata ufficiale nel mondo bianconero.

Sarri fa notare appunto come dall’essere Juventino si respirino giornalmente i due maggiori sentimenti umani. <<Solo facendo parte di questo mondo si comprende appieno questo fenomeno>> dice. <<In ogni città dove andiamo si avverte l’immenso amore e seguito che portano questi colori, ma al contempo anche il diffusissimo odio che provoca questa società.>>

Ed ancora:

<<Da tutti siamo visti come quelli che rubano, ma poi se vai a vedere i dati viene fuori un quadro quasi incredibilmente opposto. Questo grande odio poi ti fa entrare davvero sulla pelle questi colori e questa filosofia, ed inizi a diventare Gobbo>>

Questo passaggio in particolare mi ha riportato alla mente un grande personaggio della storia Juventina, ed una sua celebre frase. Che con parole diverse aveva espresso un concetto abbastanza analogo. Sto parlando di Paolo Montero, detto anche il Pigna, icona da sempre del nostro ambiente.

<<Sono diventato juventino il primo giorno che sono arrivato a Torino, quando mi sono reso conto quanto la Juventus fosse odiata dal resto delle tifoserie d’Italia. Il loro odio io l’ho trasformato in amore per la Juve. Contro tutto e tutti. Quella maglia era una corazza…>>

Beh, sicuramente ancora non siamo al livello di appartenenza del grande centrale uruguaiano, (il titolo è chiaramente provocatorio,) che rappresenta appieno la mentalità e lo spirito indomito del mondo Juve, ma con questi sentimenti e con queste frasi, Sarri sta ufficialmente entrando nel mood della nostra storia.

Trasformare l’odio in amore, (o in ironia come facciamo noi di Juventibus) è sicuramente uno dei migliori processi chimici possibili a questo mondo. Rappresenta appieno la filosofia bianconera. Rappresenta appieno l’Essere Gobbi. La Juventus è uno stato dell’anima, riprendendo una celebre citazione. E’ più di una semplice squadra, è uno stile di vita. Un saper contare solo su se stessi e le proprie forze, un non conoscere la parola alibi e i suoi tutti mille derivati. Un ricevere odio e contraccambiare con appertenenza ed ancora maggiore impegno ed impeto.

Ed ora che anche un personaggio come Sarri, visto fino a poco tempo fa quasi come antitetico alla nostra cultura se ne sta plasmando, non può che rafforzarsi il nostro presente ed il nostro futuro, sul campo, nelle sedi di comando e sugli spalti.

Si, la nostra maglia è una corazza caro Pigna, che respinge odio ed emana amore e passione.


JUVENTIBUS LIVE