Vice-Sandro o Incursore? NO, è Chiesa l’unica necessità bianconera!

di Riccardo Sgroi |

E se Federico Chiesa fosse una priorità più che un’occasione? Facciamo un veloce recap sulle presunte necessità di questi ultimi giorni mercatari.

L’esterno sinistro tutta fascia: una poltrona per 3

Ad inizio mercato Sandro sembrava pronto a lasciare, poi la sua conferma ha cambiato i piani. Con la cessione in prestito di Pellegrini al Genoa, la Juve ha sondato eventuali vice. Il nome prescelto era Emerson Palmieri. Tuttavia, ci sono già due giocatori che occupano idealmente quella casella. Il primo è Frabotta, lanciato da Pirlo contro la Samp e ansioso di ritagliarsi spazi in prima squadra. Gianluca occupa posto in lista UCL: investire su di lui significa niente nuovi acquisti. Il secondo è Bernardeschi, che Pirlo vede come uomo di fascia. Difficile pensarlo come vice Cuadrado, perché giocare a piede invertito renderebbe macchinosa e prevedibile la manovra juventina. Federico può agire solo sulla fascia sinistra, reiventandosi terzino in fase difensiva.

L’incursore: un sogno di tarda estate

Pirlo, nei primi briefing mercatari, chiese una cinghia di trasmissione tra mediani e attacco. L’incursore sarebbe uno dei due rifinitori dietro la punta nell’ideale 325 del Mister. Dovrebbe poi

scalare come quarto di centrocampo in fase di non possesso. Il sogno è Aouar, ma nel ruolo emerge Aaron Ramsey. Il gallese è però fisicamente fragile: serve qualcuno che gli dia il cambio. L’indiziato è già in rosa: Kulusevski. Lo svedese è dinamico, si esalta nello stretto, mostra indubbie doti di rifinitura e in quella posizione coesisterebbe con Dybala e CR7. Per 2 maglie al fianco di Cristiano abbiamo già Morata, Dybala, Kulusevski e Ramsey. Kean, che non occupa posti in lista UCL, è l’unico possibile completamento per il reparto.

Vice-Cuadrado cercasi: occasione inutile o necessità costosa?

Nessuno dei candidati in rosa appare del tutto idoneo a far rifiatare Juan:

  • De Sciglio non è né giocatore di spinta, né forte nell’1vs1, né capace di mettere palloni di qualità in area. Mattia non ha caratteristiche affini alle idee di Pirlo. Obbligandosi a trovargli una collocazione, potrebbe solamente essere un PESSIMO vice-Danilo.
  • Kulusevski, come si diceva, è più indicato per un ruolo di rifinitura. Essendo giocatore di grande talento, può all’occorrenza sostituirlo. Tuttavia, al netto di alcuni spunti eccezionali, renderebbe la manovra lenta e prevedibile come accaduto all’Olimpico.
  • Costa è l’unico vero vice del colombiano. Non a caso l’eventuale arrivo di Chiesa è legato alla sua partenza. Douglas, in fase offensiva, può dare un immenso apporto. Pur giocando a piede invertito, è imprevedibile e capace di sfornare ottimi cross con il piede debole. Tuttavia, mostra alcune lacune difensive ed è super abbonato al JMedical. Per queste ragioni, il giocatore è sul mercato da inizio sessione.

Ecco perché Chiesa rappresenta anche una necessità, oltre che un’opportunità: è lui il miglior candidato a raccogliere l’eredità di Juan Cuadrado.