Salah alla Juve, sarebbe davvero un gran colpo?

di Jacopo Azzolini |

Si intensificano le voci (soprattutto inglesi) di un imminente assalto della Juventus a Salah con un offerta record, intrecciati ad un fantomatico scambio con Paulo Dybala verso Liverpool, nonostante spesso Paratici abbia definito incedibile il “10”.

I siti italiani citano il Sun come fonte che ha fatto uscire la notizia, aggiungendo poi che Sky Arabia ha riportato che l’operazione avrebbe avuto l’ok da parte di CR7. Il Sun si è limitato a rilanciare una indiscrezione pubblicata da Sky News Arabia, secondo cui una fonte ha loro rilevato che Ronaldo stia spingendo per l’approdo di Salah in bianconero.

 

 

In effetti, dal punto di vista tattico, pare difficile trovare una collocazione di Salah in una Juventus con tanta scelta in avanti. Si sono sentiti in queste ore paragoni con Costa e Dybala, ma in realtà l’ultima evoluzione dell’egiziano ha ben poco a che vedere coi compiti che vengono affidati ai bianconeri. I due sudamericani, infatti, sono parte attiva nello rifinitura e nella manovra, con la Joya in particolare mai tuttocampista come in questa stagione: l’argentino aiuta lo sviluppo dell’azione in tante zone diverse, è diventato sempre più regista offensivo della squadra.

Salah, invece, ha compiti molto più ridotti, dedicati quasi unicamente alla finalizzazione. I numeri* ci aiutano a capire le differenze tra i due nell’economia della propria squadra: Salah è maggiormente pericoloso, ha 0.70 di Expected Goals (ossia, i gol attesi in base alla qualità delle conclusioni verso la porta) ogni 90′, mentre Dybala non raggiunge gli 0.20. L’ex Roma effettua ben il 22% dei tiri complessivi del Liverpool (Dybala solo il 12% di quelli della Juve), ma i dati dei passaggi sono ancora più interessanti: Salah è il penultimo tra i titolari del Liverpool, mentre Dybala è il sesto juventino più coinvolto nella manovra. Insomma, uno è molto più coinvolto nella conclusione, mentre l’altro segna pochissimo e ha compiti soprattutto in rifinitura.

Klopp in questa stagione ha trasformato sempre di più l’egiziano, evitandogli ricezioni larghe e stringendolo molto, tant’è che Salah oggi raramente si allontana dal centro dell’attacco. Anzi, è Firmino che si stacca e agisce da “falso nueve”, con l’ex Fiorentina che è l’effettiva prima punta dei reds.

 

 

Al netto della veridicità di quanto riportato da Sky Arabia, Salah rappresenta un profilo che oggi non arricchirebbe la rosa della Juventus. Certo, in caso di partenze illustri in estate, l’attuale attaccante del Liverpool darebbe modo di pensare a un attacco diverso ma comunque assai efficiente. Fermo restando che è fantamercato, sarebbe comunque un’operazione troppo onerosa alla luce delle caratteristiche e delle esigenze tattiche della Juventus.

Tuttavia, forse in maniera un po’ semplicistica, Paratici ha detto alla Gazzetta che l’operazione Ronaldo si è ripagata da sola. In effetti, in un acquisto del genere, non sarebbe da sottovalutare l’enorme bacino d’utenza che l’egiziano porterebbe a una Juventus che vuole divenire sempre più leader globale.

 

*Si ringrazia Mattia Demitri per i dati.