Chi togliereste al Napoli? – Gli autori rispondono

di Juventibus |

spogliatoio napoli

A due giorni da Napoli – Juventus, gli autori di Juventibus rispondono per voi a una semplice quanto interessante domanda: chi togliereste a questo Napoli? E per quale motivo?

Luca Momblano

Koulibaly, la chiave di quell’atteggiamento: senza, e si vince facile.

Sandro Scarpa

Al Napoli toglierei un solo uomo: il magazziniere Starace, quello che porta il caffè a Sarri e ai giocatori durante l’allenamento. “Senza di lui e senza l’aroma di quel caffè Higuain a Torino sembra smarrito e poco coccolato e ha perso il sorriso e la via del gol”.

Giacomo Scutiero

Allan, perché è il loro crumiro. E chi lavora anche quando si sciopera è un diverso da apprezzare.

Francesco Alessandrella

Hamsik, perché se c’è uno che scrive le favole del calcio non può che aver pensato a questa partita per fargli raggiungere il record di Maradona.

Alex Campanelli

Hysaj, che costringerebbe Sarri a schierare sulle fasce il duo Maggio-Mario Rui facendo senz’altro divertire le nostre ali (posto che vengano messe in campo).

Claudio Pellecchia

Zielinski e Diawara, perché sono un hipster del cazzo e perché sono gli unici potenziali fuoriclasse tout court anche al di fuori del sistema di Sarri.

Jacopo Azzolini

Callejon. Non importa quanto tu stia giocando bene: prima o poi quella maledetta giocata gli riesce.

Dario Pergolizzi

Al Napoli toglierei Sarri. Ma da agosto a maggio, mica solo venerdì (andando nello specifico della formazione, voto anche io Koulibaly).

Davide Rovati

Koulibaly, perché questa Juve che non attacca mai la profondità ha bisogno di spazio fra le linee, e la sua missione in campo sarà negarcelo.

Fabio Giambò

Intendendo il togliere qualcuno come fosse per inserirlo nell’undici della Juve, ad oggi, pur con tutto il dovuto rispetto per la forza effettiva dei partenopei, toglierei Hysaj, l’unico che giocherebbe titolare in bianconero in questo momento. Ciò non significa che si vincerà a mani basse al San Paolo, credo che si arrivi anche senza i favori del pronostico, ma sui singoli (poi collettivo, forza mentale e morale sono altri fattori) penso che ci sta poco da discutere.

Michele Fusco

Hysaj, perché sarebbe l’ unico sicuro di un posto da titolare. Ah, dimenticavo. Toglierei il dott. De Nicola. Al di fuori dei 3 crociati, solo 3 infortuni muscolari negli ultimi 4 anni.

Giuseppe Gariffo

Callejon perché sa fare le due fasi ed è di una concretezza rara per il ruolo che occupa.

Roberto Savino

Sarei tentato da Koulibaly ma dico Callejon: 1) per quella sua giocata sul palo lontano, peraltro riuscitagli anche quando la nostra difesa era più collaudata e convincente; 2) perché il Napoli si regge sui meccanismi di gioco e lui è il giocatore che meglio li interpreta; 3) perché, proprio per questo, è ritenuto imprescindibile da Sarri il quale – non a caso – ha dovuto rinunciare allo spagnolo solo una volta nel biennio e per squalifica.

Federica Zicchiero

Callejón perché i suoi inserimenti sul secondo palo potrebbero diventare un incubo per la nostra difesa.

Cristian Poltronieri

Mertens – parto togliendo il più forte e quello che mi piace di più dei loro.

Giancarlo Liviano D’Arcangelo

Insigne. Il suo idolo era Del Piero, ma un gol alla Del Piero nella porta di Buffon non lo sopporterei.

Alexander Supertramp

Allan: è il motore, il battito cardiaco della squadra. Se pulsa lui il ritmo si fa tambureggiante.

Lazar Perovic

Al Napoli non toglierei nessun giocatore ma l’allenatore. Questo perché è tutto merito suo. È una squadra “mediocre” (inteso come non da scudetto) con molti problemi di rosa ma che lui non solo maschera bene ma esalta con un gioco fantastico. Nonostante comunque abbia molti limiti di mentalità.

Stefano Utzeri

Callejon: perché è l’uomo che dà equilibrio, ha un’intesa perfetta con Insigne ed è un maestro di tagli e inserimenti.

Valeria Arena

Callejon. Per l’intelligenza tattica (scusate, non vedevo l’ora di spararmi anche io questa espressione). Più che altro perché vorrei evitare di avere gli incubi e sognare la notte quei tagli maledetti.

Giovanni Lentini

Callejon perchè i suoi tagli hanno già messo in crisi il nostro esterno sinistro in passato e l’Alex Sandro del momento pare il giocatore ideale per esaltarne le caratteristiche.

Michael Crisci

Insigne perché in una gara bloccata chi ha il tiro da fuori può essere sempre decisivo.

Gianluca Cherubini

Toglierei Hysaj: il Napoli si ritroverebbe a giocare senza i due terzini titolari, permettendoci di sfruttare a pieno le nostre ali utili a sfornare cross per Manzo.

Francesco Falzarano

Hamsik perché segna spesso alla Juve e non e non segna da troppo tempo, é un goal da Maradona e in una partita come questa il calcio può giocare questi scherzi.

Luca Mantovani

Insigne perché è in un momento di forma eccellente e  in quella zona di campo potremmo andare in difficoltà.

Pietro Salvatori

Callejon. Perché senza lo scarico sul lato debole con quegli automatismi perfetti il Napoli gode solo a metà.

Vittorio Aversano

Ghoulam. È fondamentale per Sarri. Hey ma non c’è!

Massimo Zampini

Al Napoli toglierei quei 4 punti in più. E il premio a Sarri come miglior allenatore.