Ronaldo, Rabiot e i minuti «mondiali»: tutti i numeri del ribaltone col Milan

di Mauro Bortone |

Sessanta. I minuti «mondiali» della Juve per Maurizio Sarri. 69 quelli di Higuain in campo: «condominiali».

Dieci. Il numero di partite servite alla Juve per incassare 4 gol prima di prenderli tutti in una sera. Dieci come gli anni dall’ultima rete di Ibrahimovic ai bianconeri fino al penalty che aggiorna la statistica. Dieci i rigori fischiati contro la Juve, gli stessi a favore. Coincidenze.

Diciotto. I minuti in cui il Milan ribalta la Juventus. La Fiorentina di Montella, nell’ottobre 2013, ce ne mise 20, il Toro di Bersellini, nel marzo 1983, appena 5. In tutti i casi, i bianconeri godevano del doppio vantaggio. Storico.

Tredici. I tiri in porta di Rabiot finora in campionato: la sua prodezza meritava un tabellino finale più generoso. Sfortunato.

Ventisei. I gol in serie A di Cristiano Ronaldo. Dal 2007-08 in solo tre occasioni non ha superato le 25 reti in campionato (2008-09 a Manchester, 2016-17 col Real e alla prima in bianconero). Costante.

Trenta. Le reti stagionali del portoghese, 41 con quelli in nazionale. 58 in due anni di Juve. 728 totali, a -5 da Gerd Müller. Monumentale.

Quattro. I gol del Milan alla Juve: non accadeva da marzo 1989. I rossoneri non recuperavano un doppio svantaggio in Serie A da ottobre 2016. Illogico.

Quarantanove. La percentuale del possesso bianconero. Poco sarriano.

Nove. I tiri nello specchio della Juve. Molto zemaniano.

Tre. Le rimonte “rapide” subite da Sarri prima di San Siro: 31 agosto contro il Napoli, quando in 15 minuti si fa recuperare tre gol, poi Koulibaly calcia nella porta sbagliata a fine gara e ci regala i tre punti; il 18 settembre, in Champions, avanti due reti con l’Atletico, la Juve è ripresa al 90esimo. L’8 febbraio, a Verona: in gol al 65esimo, squadra infilata due volte in dieci minuti e sconfitta al Bentegodi. Di mezzo ci sarebbe anche la Lazio il 7 dicembre ma i gol maturano in un tempo più “regolare”.

Sette. Le giornate che restano. Come i punti di vantaggio sulla Lazio sconfitta a Lecce. Sono le due migliori notizie.