Ieri Ronaldo ha detto che: mi sono scordato di Canetti [5]

Inutile negarlo, dal 16 luglio la nostra vita è cambiata. Da quella data Ronaldo mi parla quasi ogni giorno. In questo diario cerco di riportare tutto quello che mi dice.

 

– Mi sono scordato di avvisare Elias Canetti, è uscito il nuovo singolo dei Thegiornalisti.

Ha detto Cristiano con la testa tra le mani, coprendosi poi gli occhi, probabilmente lucidi dal dispiacere.

– Non preoccuparti Ronaldo, ci ho pensato io.

Canetti se ne stava disteso sul prato di Parco Sempione, prendeva appunti contro la morte, sempre a pensare alla morte Elias; allora visto che avevo nello zaino il tablet l’ho tirato fuori, sono andato su YouTube, ho scritto “giornalisti” per fare prima, è apparso il video con Tommaso Paradiso che a me sta da tempo notevolmente simpatico (perché entrambi non abbiamo avuto un padre? Perché è della Lazio?) e la ragazza che si alza e scende pigramente dal letto, inizia a prepararsi ma ci mette troppo, davvero troppo Matilda, fino a costringere Tommaso dopo molte sigarette a estrarre dal baule dell’automobile un Tango e calciare col destro e col sinistro contro il muretto della casa. Ecco Ronaldo, sono andato a disturbare Canetti disteso sul prato di Parco Sempione, lui mi ha guardato come dire e questo cosa diavolo vuole, che sto pensando alla morte. Poi Elias però ha osservato il video con attenzione, e mi ha detto:

– Anche tu usi spesso il Tango quando giochi a calcio al parco con tuo figlio, vero?

– Sì, le nuove generazioni devono sapere.

Quindi è balzato in piedi e per un attimo la morte non gli interessava più. Era spettinato, e salutandomi già lontano si è messo a gridare:

– E bravo papà. Ma quanto è puttana, questa felicità. Che dura un minuto, ma che botta ci dà.