Roma-Juventus 1-2: ce lo facciamo bastare?

di Fabio Giambò |

Partiamo dalla fine: la Juventus è Campione d’Inverno, e raggiunge questo platonico traguardo in un campo comunque difficile come quello della Roma. L’inizio è da stropicciarsi gli occhi, doppio vantaggio dopo dieci minuti, poi la sensazione è che si è cercato di gestire le forze, evidentemente caratteristica che manca a questa squadra che forse ha bisogno di ritmi alti per rendere al meglio. L’infortunio di Demiral è un handicap che crea qualche disagio alla squadra, ma non è di certo questo il problema della serata, sperando che comunque l’ex Sassuolo non resti fuori per tempi lunghissimi.

Cosa non ha funzionato? Ramsey sulla trequarti rende un po’ meglio di Bernardeschi, o sarebbe più corretto dire meno peggio: il gallese si prende qualche responsabilità in più, ma non riesce a dare quella qualità necessaria per innescare chi gli gioca a fianco o davanti, tant’è che Dybala è venuto spesso e volentieri a prendersi palla lontano dalla porta, dando quel tocco di imprevedibilità alla squadra che sennò farebbe fatica. Ronaldo impeccabile dal dischetto, altra rete consecutiva, ma la sua partita comunque non è stata entusiasmante.

C’è un altro fattore, che poi è una discussione già fatta: a Rabiot concediamo credito per la condizione fisica mostrata, e per il salvataggio sulla linea, mentre per Matuidi sembra essere finito il tempo delle guerre. L’esperto francese non riesce a dare quella dinamicità necessaria per mettere muscoli alla mediana, forse pensare ad un ritocchino in questo reparto non sarebbe poi così folle considerando anche che chi sta fuori è difficile che possa fare meglio per svariati motivi.