Risultato finale, 0-0

di Antonello Angelini |

C’ è un po’ di amarezza. Avrei preferito pareggiare giocando meglio, con magari un palo e una traversa, due miracoli del portiere, oppure magari restare in 10 per un episodio e tenere duro in 10 contro 11. Questo è un pareggio senza onore e senza spettacolo. Indegna fine di una serie bellissima a tratti. Il risultato va benissimo, ma il gioco no, mi spiace caro Allegri. Primo tempo inutile, senza piedi buoni in campo. Troppi tutti assieme gli Sturar, Lichsteiner, Pereyra, Evra. Troppi piedi che non sanno accarezzare il pallone. E se hai tanti di questi allora il ritmo deve essere forsennato, come Conte insegnò a tutta Italia vincendo uno scudetto con De Ceglie, Matri, Giaccherini, Pepe, Lichsteiner e Vucinic (unico piede buono assieme a Pirlo di quella squadra). In questa Juve invece non c’ è stato ritmo né c’ è stata qualità. Speriamo di vedere l’ uno e l’ altra contro il Bayern. Già a Frosinone, con il Napoli e con il Genoa di ritmo ne ho visto poco. Qualche assolo e nulla più era bastato. Non basterà per il futuro. Né in Champions né in campionato. E forse nemmeno in Coppa Italia contro il Milan in finale. Il risultato lo accetto tranquillamente, i segnali di gioco no, questo il messaggio. Migliori in campo Barzagli, Cuadrado (per quel che ha giocato) e Morata. Nonostante questo la Juventus è andata vicina al vantaggio tre volte il Bologna mai.

Avevo fatto un sogno premonitore che mi aveva fatto vedere la Juve che pareggiava a Bologna e per questo sono stato cacciato dalla chat “Roma Bianconera”, un gruppo di amici della capitale troppo tifosi, ma ho anche sognato che la Juve sarà di nuovo in testa dopo Juve -Inter e Fiorentina- Napoli, forse addirittura lunedì sera. Vedremo se il mio sogno sarà stato premonitore anche sul Napoli.