Un nuovo sguardo al Real Madrid di Zidane

di Alex Campanelli |

real madrid

Ricordate il Real Madrid che tanto abbiamo osservato, giudicato e probabilmente anche criticato nei giorni precedenti al tracollo di Cardiff? Prendete quella squadra, estremizzatene fino all’esasperazione i lati positivi e negativi e avrete un disegno perfetto del Real di Zidane versione 2017/18. Il distacco abissale dal Barcellona non ha fatto altro che legittimare le scelte del tecnico francese, ritrovatosi a gestire gli impegni di Liga quasi come un allenamento in vista delle gare europee, sfruttando tra i confini domestici i tanti giovani emersi tra questa e la scorsa stagione (da Hakimi a Mayoral passando per Llorente e Theo Hernandez) e riaffidandosi ai protagonisti dei trionfi recenti nelle gare di cartello. Con qualche eccezione, certo: pur forte del 3-1 dell’andata, a Parigi ZZ non ha avuto paura di lasciar fuori contemporaneamente Isco, Kroos e Modric, schierando un serratissimo 4-4-2 che ha vissuto quasi unicamente degli spunti di Asensio e del tremendismo di Ronaldo. Se lo scorso anno avevamo indicato Ramos come emblema dell’intero Real Madrid, ad oggi è proprio il portoghese a raffigurare limiti e pregi della sua squadra: orpelli e ricami sono ormai ridotti all’osso, resta solo una mortifera e incontrovertibile tendenza al piegare le partite al proprio volere come nessuno in questo momento. 8 gare europee su 8 in gol, 12 marcature totali sulle 22 complessive dei madrileni; mai come oggi, il Real Madrid è Cristiano Ronaldo mentre Cristiano Ronaldo è il Real Madrid. Pur piene di difetti e più che dipendenti da CR7, le merengues sono l’avversaria più temibile delle 7, di pochissimo dietro (ma non ci giureremmo) al City di Guardiola.

Formazione tipo (4-3-1-2): Navas; Carvajal, Varane, Ramos, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Isco (Asensio); Benzema (Bale), Ronaldo.

Come si è qualificato:

Real – Apoel 3-0 (Ronaldo x2, Ramos)
Dortmund – Real 1-3 (Ronaldo x2, Bale)
Real – Tottenham 1-1 (Ronaldo)
Tottenham – Real 3-1 (Ronaldo)
Apoel – Real 0-6 (Ronaldo x2, Benzema x2, Modric, Nacho)
Real – Dortmund 3-2 (Mayoral, Ronaldo, Vazquez)
Real – Psg 3-1 (Ronaldo x2, Marcelo)
Psg – Real 1-2 (Ronaldo, Casemiro)

Gol fatti: 22
Gol subiti: 9
Capocannoniere: Ronaldo (12)