Presenze e minutaggio: certezza Danilo, CR7 senza tregua

di Mauro Bortone |

cristiano

Danilo uomo imprescindibile, Ronaldo senza tregua e centrocampo sulle spalle di Rabiot e Bentancur: sono alcune possibili chiavi di lettura della Juventus 2020-21 sulla base dei dati relativi alle presenze e al minutaggio dei giocatori della rosa bianconera a disposizione di Pirlo.

Il più impiegato sia in termini di presenze (39) e che di minutaggio (3282’) è Danilo, a conferma della sua crescita nel gruppo dopo una prima stagione titubante e del suo ruolo da jolly nello scacchiere tattico, dove si è posizionato sia come terzino, sia come centrale difensivo nelle transizioni della prima parte del campionato, fino a vestire i panni del mediano di centrocampo.

Segue Cristiano Ronaldo con 3141 minuti spalmati in 37 presenze, a dimostrazione di un utilizzo del portoghese che non gli ha garantito di rifiatare a dovere per via dell’assenza di ricambi e dell’emergenza continua in zona offensiva, dove fa da contraltare Dybala, in campo solo 902′ per 18 gettoni totali: peggio dell’argentino hanno fatto solo Fagioli (appena 20’ in campionato), Dragusin 231’ e Frabotta con 767’ in 17 apparizioni.

2910’ con 32 presenze per Szczesny, seguono con 2600’ per Rabiot e 2599’ per Bentancur (rispettivamente in 38 e 37 presenze), ad attestare che la coppia di centrocampo titolare, volenti o nolenti, è stata composta dal francese e dall’uruguagio. Distanti Arthur, 15° con 1521’ giocati, e Ramsey, 16°, con 1458’, entrambi con 28 presenze. Il jolly di centrocampo McKennie, autore di sei gol in stagione, nonostante le 37 presenze ha accumulato 1891’ (12° in graduatoria) a conferma che lo staff tecnico lo ha visto spesso come soluzione a gara in corso e non come titolare. Stessa situazione per Bernardeschi (17°) che ha collezionato 36 gare, giocando però 1360’, ovvero circa una novantina in più di Chiellini che ha la metà delle presenze.

2505’ per Chiesa e 2459’ per Morata (entrambi a 37 gettoni); solo ottavo in questa classifica Cuadrado, che nell’idea di molti juventini è il giocatore fondamentale per il gioco, con i suoi 2375’ in 31 presenze. Il primo centrale difensivo in questa graduatoria è Bonucci a 2312’ in sole 29 presenze: per vedere De Ligt bisogna scendere all’undicesimo post con 2221’ in 27 gare, a dimostrazione che il reparto difensivo non è stato immune da problemi fisici che ne hanno pregiudicato la composizione.

Sempre in difesa, Alex Sandro è 13° con 1823’ in 26 gare, Demiral 14° con 1641’ in 23 partite e Chiellini 1278’ in 19 presenze. Interessante il dato di Kulusevski, che è decimo nella graduatoria e risulta impiegato per 2282’ in 38 gare, quasi quanto Chiesa e Morata, che sono di fatto entrambi considerati titolari di questa Juve. Sono 1020’ i minuti di Buffon con 11 presenze: l’anno scorso furono 1350’ totali con 15 gare disputate.