Premonizione: Cristiano ha segnato!

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Se l’Avvocato fosse ancora tra noi, lo avrebbe detto di sicuro.
L’attesa per il primo gol di CR7 sta diventando spasmodica. Lo stivale italico è suddiviso in due opposte fazioni: gli juventini e gli antijuventini. Questi ultimi, anche se divisi da fedi diverse, sono uniti nell’odio comune contro la Signora.
Lo sappiamo bene.
E lo sapeva anche Lui, l’Avvocato.
Oggi direbbe anche che l’attesa (per noi) suscita sentimenti opposti fra le due fazioni.
Noi sogniamo di vedere l’uomo trasformarsi in statua, con quell’esultanza unica, anch’essa diversa fra tutte le altre perché CR7 è diverso da tutti gli altri.
Loro, gli altri, sognano invece che questo magic-moment non arrivi mai, solo per poter strombazzare ai quattro venti che “in Italia è diverso”, “i nostri difensori non sono come gli altri”, “La Liga non è la Serie A” ed altre amenità del genere.
Se Sky Sport potesse intervistare l’Avvocato, questi risponderebbe con il suo famoso sorriso enigmatico e con la sua “r” moscia direbbe che sono le risposte di chi non ha argomenti. D’altronde, se la Juve compra Cristiano Ronaldo, per rispondere devi acquistare l’unico che puoi mettergli contro per parare il colpo, ossia Lionel Messi. Ed è inutile dire che sarebbe parecchio difficile. Quindi, l’unica cosa che ti rimane, è gufare, gufare, gufare. Ovviamente, senza risultati apprezzabili.
Aspettando Godot fu la frase coniata da Giovanni Agnelli quando Del Piero trascorse quasi due anni per riprendersi dal grave infortunio occorsogli in un Udinese-Juventus ormai perso nei meandri del passato. Suscitò ilarità e polemiche, in quei momenti di preoccupazione. Ma alla fine Del Piero ritornò e fece in tempo a scrivere ancora pagine ricche di magia nella storia bianconera.
Cristiano Ronaldo non ci metterà tutto quel tempo a insaccare, ne siamo consapevoli.
La storia è ricca di esempi del genere.
Ma poi, prima o poi, le cose che devono accadere, accadono.
E quando CR7 spedirà il pallone dietro al portiere avversario, volerà in alto e atterrerà a gambe divaricate nella sua tipica posa statuaria, noi capiremo che Godot è arrivato.
Ma quel che sarà terribile (per gli altri) è che sarà la prima volta di una serie lunga, molto lunga!
Per cui, amici juventini, non disperate: quel gol appare ora come un frutto maturo, baciato dal sole e pronto per essere raccolto. A volte, guardando una partita, ti accorgi che il gol è nell’aria, qualcuno seduto accanto a te dice con enfasi: “E’ maturo!” E in men che non si dica, si gonfia la rete e la Juve passa in vantaggio.
Questo è ciò che penso, quel frutto ora lo vedo, mi sembra di toccarlo, anzi ora lo sfioro… ed ecco che, come per magia, cade nel cesto con un tonfo: Cristiano ha segnato!

 

di Renato Zerbone