Il pre Napoli e il dopo Allegri

di Antonello Angelini |

Sembra strano dover stare a parlare di allenatore alla vigilia di uno scontro scudetto contro il Napoli e di un doppio scontro con una delle corazzate europee che si chiama Bayern Monaco. Eppure il tormentone è questo.

Tifosi juventini state tranquilli, se Allegri resterà ne saremo tutti felici, in caso contrario una grandissima stretta di mano e un grazie e saremo pronti a ricominciare con un altro. La nostra dirigenza così come scelse Allegri in 24 ore trovando l’uomo giusto, anche questa volta troverà il profilo adatto alla Vecchia Signora. Per me Antonio Conte (bis) sarebbe una idea molto suggestiva. Come giocherebbe lui con Cuadrado, Sandro, Dybala, Khedira, Morata e tutti gli altri piedi buoni che non ha avuto almeno nei primi due anni della sua gestione? Saprebbe dare oltre alla classe anche quel furore agonistico che ha saputo instillare ai De Ceglie, Matri, Pepe, Giaccherini & co.? Sarebbe divertente da provare.

Poi c’è un certo Paulo Sousa, che sta facendo benissimo a Firenze con giocatori ben inferiori a quelli della Juve e che a mio parere sarebbe felicissimo di tornare a casa-base. Paulo Sousa con quei piedi a disposizione e con una società granitica alle spalle. Divertente l’idea o no? Suggestive tutte e due le ipotesi non credete? E chissà magari in Europa il gioco di Paulo Sousa che di Champions ne vinse (purtroppo) due, potrebbe entusiasmare? Oppure meglio Conte che ha desiderio pazzesco di emergere in campo europeo visti i risultati non eccelsi dei due anni juventini (ma manco da buttar via)?

Per ora godiamoci Allegri e la tranquillità che ci infonde, la rimonta effettuata e pensiamo al Napoli. Andrebbe bene anche un pari a mio avviso, visto che il calendario del Napoli mi pare leggermente più difficile. Poi dipenderà dalla partita con il Bayern; una Juve fuori a mio avviso non lascerebbe scampo al Napoli, una Juve in Champions potrebbe lasciare qualche punto di più per strada. Buon ciuccio a tutti con un ultimo invito: non ci facciamo avvelenare il clima dai Liguori, Zeman e Simoni. Ma di chi stiamo parlando…?? Personaggi ormai emarginati dal calcio che conta e che si sfogano contro la Juve in ospitate imbarazzanti.