Pirlo sbanca Kiev: “Partita solida. Voglio molti giocatori in fase offensiva”

di Riccardo Sgroi |

Vittoria all’esordio in Champions League per la Juve di Andrea Pirlo. Il Mister ha così commentato il successo contro la Dynamo Kyiv:

“Pian piano troviamo equilibrio. Importante fare una partita solida oggi rispetto a quella vista con il Crotone. Abbiamo provato qualcosa lunedì ed eravamo più preparati.” – Alcuni evidenti passi avanti rispetto a sabato, ma senza eccessivi entusiasmi. La squadra è in costruzione e alla ricerca di una sua dimensione definitiva. Ciò nonostante ha saputo vincere una partita importantissima, mostrando buona solidità mentale oltre che tattica. Certo… questa Dynamo non era niente di che.

“Disposizione iniziale [Danilo a sx e Cuadrado a dx] nasce da una rotazione che volevamo fare a destra: Kulusevski entrava verso il campo per lasciare spazio a Cuadrado.” – Una delle due intuizioni del Mister provate lunedì in allenamento. Per Pirlo sarà necessario poter allenare i suoi giocatori, dato che finora li ha visti con il contagocce. E se in un allenamento ha ottenuto questa risposta, essere ottimisti appare più che logico.

“Loro facevano pressione su Bonucci in fase di impostazione; per questo abbiamo messo Chiellini centrale. Il suo infortunio ha cambiato i piani, ma Demiral ha fatto molto bene: siamo soddisfatti.” – Nonostante l’infortunio di Chiello e qualche occasione sprecata di troppo, la squadra non si è scomposta e ha dominato fino al 70’. Da non sottovalutare questo segnale, che mostra una compattezza non comune per squadre in costruzione.

“Chiellini ha avuto un risentimento al flessore già dopo la nazionale. Dybala ha bisogno di giocare e mettere minuti; non è al 100%” – Nota dolente della serata è l’infortunio di Giorgione. Il suo fisico non è più quello di un tempo; le sue condizioni saranno valutate nei prossimi giorni. Dybala è decisamente fuori forma.

“Mia idea di calcio è avere molti giocatori in fase offensiva. Ramsey e Kulusevki da esterni vengono dentro il campo. Con gli esterni alti attaccavamo bene la profondità. La struttura offensiva potrà cambiare con il rientro di CR7 e Dybala” – Ad assecondare le idee di Pirlo ci pensa un reparto offensivo quanto mai vario. Il Mister ha a disposizione un buon assortimento di caratteristiche: il tridente Chiesa-Morata-Kulu è solo l’inizio.

“Chiesa deve fare l’attaccante esterno e in fase difensiva scalare come quarto centrocampista, con compiti prevalentemente offensivi. Può giocare su entrambe le fasce.” – È ancora acerbo ma la sua duttilità, corsa e dribbling torneranno molto utili. State in campana, presto arriverà un approfondimento su Fede.