Pirlo allena davvero la Juve under 23

di Mauro Bortone |

La Champions nel mirino e le scorie del deludente pareggio di Crotone nella mente: la Juventus di Andrea Pirlo guarda oltre la serata dello Scida, su cui si sono mosse numerose critiche alla squadra, all’atteggiamento tattico e alla gestione del mister.

Troppi giovani in campo secondo commentatori e tifosi, tra l’ironia di chi parla di una Juventus formato under 23 e di un allenatore passato troppo in fretta  dalla panchina della seconda squadra bianconera a quella più prestigiosa.

La verità è che la rivoluzione d’ottobre targata Pirlo, che piaccia o meno, passa dalla linea verde: e questo, al di là di come si possa valutare questa strategia nell’immediato, dove i risultati certamente stentano e sono al ribasso rispetto alle aspettative, ha una logica orientata al domani di una squadra intenzionata a costruire un nuovo ciclo.

Dopo l’eliminazione dolorosa col Lione di Garcia e Aouar, il presidente Andrea Agnelli aveva parlato dell’abbassamento del monte ingaggi e dell’età media della rosa come punti da cui ripartire: a Crotone, al di là delle assenze che certamente hanno pesato sulla composizione dell’undici titolare, la squadra scesa in campo aveva una media di 24 anni (un dato su cui pesa la presenza di Buffon peraltro), ovvero tre anni in meno di una di quelle più basse registrata nella scorsa stagione.

Con Frabotta (’99), Portanova e Kulusevski (2000), Demiral (’98) e Chiesa (’97), c’erano in campo cinque under 23, a cui va aggiunto anche Bentancur che 23 anni li ha appena compiuti: non era mai successo nell’era dei tre punti, ovvero dal 1994. Il ragionamento potrebbe includere anche Rabiot, classe ’95, Arthur (’96), e gli assenti McKennie (’98), e De Ligt (’99), tanto che, senza troppe ironie, si può sostenere che davvero Pirlo sta allenando l’under 23.

Una scelta ben precisa, coraggiosa, lungimirante, condivisa dalla società, che comporta certamente qualche rischio nel breve periodo, da disinnescare col mix di esperienza di alcuni veterani, ma che potrebbe aiutare a riaprire un ciclo importante: alla Juve, insomma, il futuro è già iniziato.


JUVENTIBUS LIVE