Perchè Marotta non ha tutti i torti

di Maurizio Romeo |

“C’è molto da recriminare, credo non si possano subire situazioni del genere. È un errore che incide pesantemente, nessun commento da parte mia se non questo: speriamo che il calcio italiano venga protetto, speriamo a livello internazionale di farci tutelare Non voglio alibi, voglio sottolineare la nostra grande prova e chiedo che il nostro calcio venga maggiormente tutelato. È un danno in termini di ranking e anche economico. Certe direzioni non fanno il nostro bene e se pensiamo all’economia dell’andata e del ritorno, non abbiamo avuto alcun favore, anzi al contrario”. (Beppe Marotta ai microfoni di Premium Calcio dopo Bayern-Juventus)

La scusa dell’arbitro è l’alibi dei deboli. L’ho sempre pensato e nulla mi può far cambiare idea: arbitrare una partita non è semplice, soprattutto quando sei ad alti livelli, ma allo stesso tempo devi garantire qualità, concentrazione ed equilibrio quando ti trovi a dirigere partite che spostano milioni di Euro. Una qualificazione al turno successivo può fare ormai la differenza nei bilanci di una società piuttosto che di un’altra per i ricavi che comporta fra diritti e premi UEFA, oltre agli incassi da stadio. Impossibile quindi scindere il fatto sportivo da quello economico.

Ieri sera ho criticato il DG bianconero per aver espresso a caldo quei contenuti in tv. Non perché non li ritenessi in un certo modo condivisibili, ma perché ritengo che si sia meglio battere i pugni e farsi sentire nelle sedi e dalle persone opportune, Collina in primis, piuttosto che porgere il fianco a commenti capziosi dopo che per anni abbiamo professato che a fine stagione tutto si bilancia. Il mezzo è quindi sbagliato così come i tempi: sbagliato farlo a caldo subito dopo una partita che con un filo più di precisione e di cinismo ci avrebbe portato a fare ciò che sappiamo, ovvero dimenticarsi dei torti arbitrali subiti e usarli come stimolo per vincere comunque sul campo lasciando al Bayern il problema di leccarsi le ferite.

Ho però una buona memoria e così sono andato a rivedere le mie vecchie micromoviole per capire se le proteste fossero motivare: a una prima e veloce analisi posso dire che in questa stagione europea non siamo stati molto fortunati con i direttori di gara che, in almeno 6 partite su 8, nel dubbio non si sono espressi sicuramente al loro meglio. Sia chiaro, da parte mia non c’è nessun complottismo né alcun pensiero rivolto ad una eventuale malafede degli stessi, ma si tratta di una semplice constatazione su errori dovuti talvolta all’incapacità di un arbitro o di un suo assistente, piuttosto che non a un corretto posizionamento.

 

Manchester, 15/09/2015 – Manchester City-Juventus 1-2 – Arbitro Skomina (SLO)

1a giornata

La rete del vantaggio dei padroni di casa è viziata da un netto fallo di Kompany che impedisce a Chiellini di saltare e va a segnare l’1-0. Errore grossolano dell’addizionale Slavko Vinčić che, a pochi passi e con lo sguardo rivolto all’azione, non segnala nulla all’arbitro centrale.

56-12-FalloKompanyAddizionale

La Juventus non si concentrerà su questo errore e porterà a casa un’importante vittoria per 2-1 con le reti di Mandzukic e Morata.

Torino, 30/09/2015 – Juventus-Siviglia 2-0 – Arbitro Eriksson (SVE)

2a giornata

Alla mezzora del secondo tempo il difensore polacco Krychowiak colpisce con un pestone Khedira in area di rigore. Eriksson lascia correre.

75-3-RigoreKhedira

Una decina di minuti dopo Zaza segnerà comunque la rete del 2-0 definitivo

Torino, 21/10/2015 – Juventus-Borussia M. 0-0 – Arbitro Thomson (SCO)

3a giornata

Due gli episodi importanti in questa partita, entrambi vedono come protagonista il difensore del Borussia Álvaro Domínguez (che al ritorno causerà l’espulsione di Hernanes).

Il primo episodio accade al 41′, con il difensore del Borussia che atterra Morata ormai lanciato a rete.

40-1-RossoDominguez

Il fallo interrompe chiaramente una chiara occasione da rete: a norma di regolamento fallo ed espulsione per il n°15 della squadra tedesca. Lo scozzese Thomson però, dopo essersi consultato con il suo primo addizionale Mc Lean decide di estrarre solo un cartellino giallo.40-5-RossoDominguezDecisione errata, come quella che prende nel secondo tempo quando non sanziona un chiaro fallo dello stesso Dominguez su Mandzukic in area. Sarebbe calcio di rigore, con conseguente ammonizione (la seconda) per il difensore spagnolo. Su indicazione del suo secondo addizionale Stevenson il direttore di gara lascia però proseguire.

64-5-Rigore

Borussia graziato quindi due volte, con un calcio di rigore non fischiato e un rosso per Dominguez risparmiato in due occasioni. La partita terminerà con un pareggio risultato pesante alla fine del girone di qualificazione.

Siviglia, 08/12/2015 – Siviglia-Juventus 1-0 – Arbitro Marciniak (POL)

6a giornata

Alla mezzora del secondo tempo, sul risultato di 0-0, Coke atterra Morata in area su un cross di Lichtsteiner. Sarebbe calcio di rigore e ammonizione per il n°23 della squadra spagnola (non rosso perchè la palla non è nella disponibilità di Morata). L’assistente Musiał non segnala però nulla al direttore di gara che lascia proseguire.

58-1-KokeMorata

Poco più di 5 minuti dopo arriverà il gol di Llorente che condannerà la Juventus al secondo posto del girone che, complice l’urna di Nyon, porterà al doppio scontro con il Bayern di Guardiola.

Torino, 23/02/2016 – Juventus-Bayern M. 2-2 – Arbitro Atkinson (ING)

Ottavi di finale – Andata

Al 10′ Vidal si disinteressa del pallone e ferma la corsa di Pogba, Atkinson vede il fallo e lascia proseguire per il vantaggio ma non ammonisce il cileno alla prima interruzione.

11-2-VidalPogba

Sempre sul risultato di 0-0, al 22′ Vidal allarga il braccio e va a intercettare il pallone calciato morbido da Pogba e destinato a Dybala che stava arrivando in corsa alle sue spalle. Sarebbe calcio di rigore e cartellino giallo per il cileno.

21-3-ManoVidalAtkinson non è piazzato bene e lascia correre.

21-4-ManoVidal

Al 43′ il Bayern va in vantaggio, ma l’azione è viziata prima da un fallo di Lewandowski su Evra che non gli permette di chiudere in tempo Robben…

44-2-GolMuller-Pagno-FalloLewa

…poi dalla posizione attiva dello stesso attaccante polacco che ostruisce la visuale del portiere bianconero: sarebbe quindi in posizione di fuorigioco attivo. Per quanto non fosse una chiamata semplice, dal punto di vista formale si tratta di gol non regolare.  44-5-GolMuller-PagnoAnche l’azione del 2-0 del Bayern è viziata da un’azione irregolare di Lewandowski reo di affossare Bonucci che aveva tentato un blocco ai suoi danni. Il fatto che potesse esserci azione fallosa in partenza del n°19 bianconero non sana di fatto l’uso irregolare delle mani del centravanti polacco: dal punto di vista arbitrale due errori “di segno opposto” non si compensano, rimangono sempre due errori.

55-2-LewandowskiBonucci

La Juventus riesce comunque a raggiungere il 2-2 e sfiora in almeno un’occasione la possibilità di portare a casa un’insperata rimonta.

Torino, 23/02/2016 – Bayern M.-Juventus 4-2 d.t.s. – Arbitro Eriksson (SVE)

Ottavi di finale – Ritorno

Sul risultato di 1-0 c’è un errore marchiano del primo assistente Klasenius che segnala una posizione irregolare di Morata che non c’è perchè sull’assist di Hernanes Kimmich lo tiene in gioco di quasi un metro. Errore di deconcentrazione davvero inspiegabile a certi livelli, pesante perchè il n°9 bianconero in quell’azione segna anche un gol…

GolAnnullato

…la Juventus riesce comunque a raggiungere il 2-0 grazie alla progressione di Morata e al gol di Cuadrado.

Pochi minuti dopo su un lancio lungo Kimmich si disinteressa del pallone e va a colpire Morata al volto con il braccio. L’attenzione del direttore di gara sembra orientata verso il pallone e l’azione finisce inevitabilmente sulla sua visuale periferica. Non lo aiutano in questo caso l’assitente Klasenius (nuovamente) e il quarto uomo Culum. Manca quindi come minimo un fallo per la Juventus accompagnato da un cartellino giallo per il difensore tedesco, anche se il braccio alzato all’altezza del viso dell’avversario farebbe propendere maggiormente per una sanzione maggiore.

KimmichGomitataC’è un’irregolarità anche nell’azione che porta al definitivo 4-2 di Coman perchè Kimmich (sempre lui…) abbraccia Pogba e lo trascina a terra. Eriksson è a pochi passi e lascia proseguire. L’errore in questo caso è tutto suo.
FalloKimmich-2

“In Europa non potete rubare perchè gli arbitri non vi fanno favori…” ,“Con la moviola in campo non rubereste più…” sono due fra i più noti leit motiv preferiti dagli antijuventini. Chissà se con la moviola in campo così come ipotizzato dall’IFABV sarebbe cambiato qualcosa…
Al momento però non c’è e quindi si deve tenere conto che gli errori arbitrali facciano parte del gioco. Per questo vanno accettati quanto l’errore di un calciatore, per quanto possano fare arrabbiare.
Davanti a così tanti casi non si può parlare solo di sfortuna e senza cercare alibi dal punto di vista societario è giusto però porre l’accento sul danno economico che certe decisioni errate possono causare. Queste immagini possono essere mostrate nelle sedi opportune per chiedere una maggior preparazione degli arbitri che dirigono nella massima competizione europea a partire dal loro responsabile e designatore. Se può servire a qualcosa…