Ottavi di finale – uno sguardo all’Atletico di Simeone

di Alex Campanelli |

simeone

Nessuna clemenza da parte dell’urna di Nyon: la Juventus dovrà vedersela con l’Atletico del Cholo Simeone, una delle avversarie più ostiche tra le papabili. Andiamo ad analizzarlo in breve.

Iniziamo col botto, con la mina vagante che nessuno vorrebbe incontrare: chi scrive ha sempre e comunque posto la squadra di Simeone in cima alla lista dei clienti indesiderati, una di quelle squadre brutte e spigolose contro le quali è complicato imbastire un gioco, uno di quegli ostacoli sempre impervi a prescindere dal momento nel quale si cerca di superarli. Quella 2018/19 però è probabilmente la versione meno convincente dell’Atletico allenata dal Cholo; risolto più o meno agevolmente il problema relativo all’eredità di capitan Gabi, con quel Rodri che appartiene alla medesima genia, i colchoneros si sono incartati su altri aspetti che inizialmente preoccupavano molto meno. La condizione e il rendimento precari di Diego Costa, una difesa a più riprese orfana di Godìn e con ricambi non sempre affidabili (addirittura con Saul impiegato a sinistra), un gioco coi falsi esterni Koke e Lemar che non ha ancora convinto appieno e costringe spesso Griezmann, di nuovo orfano di un partner credibile, a cantare e portare la croce. Ciò detto, resta l’impronosticabilità dei biancorossi nelle sfide da dentro o fuori, una fase di non possesso tra le migliori della competizione e tre degli interpreti migliori al mondo nei ruoli chiave, il portiere Oblak e i già citati Godìn e Griezmann.

Come si è qualificato:

Monaco – Atletico 1-2 (Diego Costa, Gimenez)
Atletico – Bruges 3-1 (Griezmann x2, Koke)
Dortmund – Atletico 4-0
Atletico – Dortmund 2-0 (Saul, Griezmann)
Atletico – Monaco 2-0 (Koke, Griezmann)
Bruges – Atletico 0-0

Gol fatti: 9
Gol subiti: 6
Capocannoniere: Griezmann (4)
Uomini chiave: Oblak, Godìn, Koke, Griezmann

Formazione tipo (4-4-2): Oblak; Juanfran, Godìn, Lucas Hernandez, Filipe Luis (Gimenez); Koke, Rodri, Saul, Lemar (Partey); Griezmann, Diego Costa.