Perché all’Olimpico sarà una grande Juve

di Leonardo Dorini |

Dopo il pareggio casalingo col Sassuolo e il sorpasso dell’Inter in testa alla classifica, sono convinto che sabato a Roma la Juve farà una grande partita contro la Lazio; non sono certo che vincerà, ma il gioco non mancherà; faccio questa previsione, prendendomi tutti i rischi del caso.

Perché? Per vari motivi.

In primo luogo, perché Sarri ha punzecchiato i giocatori nel post-partita di domenica: motivazioni che mancano, solita mollezza dopo essere andati in vantaggio, “solo quando siamo andati in svantaggio abbiamo avuto energie mentali sufficienti”; credo che i giocatori vorranno rispondere, su un palcoscenico importante e contro una squadra fra le più in forma.

In secondo luogo, Sarri ha parlato della difficoltà di lavorare in allenamento ai vari schemi; non era una lamentela, ma una semplice presa d’atto del fatto che quando si gioca ogni 3 giorni è più complicato, per un allenatore di campo come lui, trasmettere le necessarie istruzioni tattiche. Mentre per Allegri giocare spesso era un vantaggio, perché utilizzava la partita per far passare i suoi concetti, per Sarri ciò richiede più lavoro in allenamento e da questo punto di vista la complicata partita di Roma viene nel momento, per fortuna, di una settimana senza impegni infrasettimanali: i risultati dovrebbero arrivare.

Infine, ci saranno i singoli da valutare: Cristiano, in ripresa già domenica scorsa, ma certo sotto i suoi standard, avrà una gran voglia di tornare protagonista: se lo conosciamo un po’, il 6-5 con cui Messi ora comanda la “speciale classifica” dei titoli di Pallone d’Oro non lo lascia certo indifferente: vorrà provarci, a partire da subito, a rivincerlo, o almeno a dimostrare di essere in grado.

Dybala torna contro l’avversaria di uno dei suoi gol più importanti alla Juve (lo 0-1 cadendo al 93mo di due anni fa) ed in un periodo in cui è devastante quasi sempre; Bentancour sarà probabilmente confermato data l’assenza di Khedira e anche Bernardeschi dovrebbe avere forti motivazioni, viste tutte le critiche che gli piovono addosso.

Già con Atletico e nella seconda parte del match con il Sassuolo, la squadra ha dato l’idea di provare a mettere in pratica le idee di Sarri: penso che sabato ci siano tutte le condizioni per vedere, come ha chiesto anche Luca Momblano “la Juve di Sarri”.

Spero di non sbagliarmi!