Niente trippa per il Sousa prodigo

di Vincenzo Ricchiuti |

Pronti, via.

Formazione perfetta. Si Evra, no Sandro. Cioè dentro Cuadrado.

Adani elogia la Juve di Milano, contro l’Inter. Dolore dei suoi epigoni sul web.

Evra mostra subito come si fa bloccando una ripartenza viola col fallo tattico.

Rigore fischiato dall’addizionale. Ilicic, viola in vantaggio. Moviola ? Chissenefrega.

Evra-Pogba-Evra, prove d’intesa. Buon piazzamento dietro di Cuadrado. Sta imparando come si sta al mondo in Italia. Cioè nel mondo.

Juve spettacolo. Dopo un cincischio di Khedira, Cuadrado taglia campo per Pogba e riceve di testa colpendo a palombella della pallanuoto. Morettiano.

Pari 1-1, ora bisogna ragionare. Questi sousa sono come i bambini, corrono come non ci fosse un secondo tempo.

Dybala deve marcare a uomo Porca Valero. Ormai lo fanno tutti in serie A.

Chiello ora può fare quel che gli pare, un secondo rigore non glielo fischiano più.

Bernardeschi può cadere tutte le volte che gli pare, non gli fischieranno più nulla.

Se arretrasse, il bambolo argentino sarebbe più utile lasciando Marchisio libero. Dovrebbe correre il triplo ma è giovane, Tevez partiva da lontano se necessario. E dribblava tutti.

Cuadrado fa una cosa italiana, facendosi far fallo col culo. Poi una cosa da rugby. Di quelle che rassicurano i bambini scarsi di tutto il mondo.

Manzo fa scena per tenersi il posto, sembra Hulk Hogan. Khedira stranamente poco intelligente. Stasera non gli funziona la palla di vetro che gli dica prima dove mettersi dopo.

Bravo Evra. Regale. Quello che era un fantino spaesato e mal allenato dal mal calcio inglese, un signore oscuro dell’area di rigore. Un pocket coffee, utile e da tasca.

Una sciolina di Dybala, assist di Evra degno dell’Illuminismo. Peccato.

Juve in gamba, tonica e moderna. Pure troppo.

Togliete un po’ la gamba, figlioli.

Tanto quelli son belli che non ballano. Non balla neanche Cuadrado, a un quarto dal termine primo tempo fa un recupero dietro che Sandro impara a conoscere dalla panchina.

Porca Valero ridicolizza Dybala capendolo e confutandolo meglio di un post di Ricchiuti.

Un po’ troppi rischi tenendo le due punte avanti. Siamo in meno a centrocampo, arretra o Dybala !

La fabbrica degli assist, Evra. Peccato nessuno attacchi il primo palo un quarto d’ora prima.

Barzagli è l’unico che ha capito che Porca Valero è un cagasotto. Gli devi arrivare di corsa da dietro, cede subito e molla la presa.

Khedira la deve stoppare, stasera gli riesce poco tutto. Stop e tenerla.

Numero di Pogba, l’avesse fatto Dybala consenso di tutti. Finisce il primo tempo, in stand by la vinciamo. Questi sono già finiti.

Spazio calcio degli altri: gran gara difensiva della Roma. Davvero impressionato. Altro che ricompra Morata, offriamo garanzie con le banche ed entrature al Messaggero all’americano per farsi lo stadio e facciamoci dare Manolas e Pianic.

Nell’intervallo panico, si vorrebbe cambiare Khedira. Per carità, se c’è una garanzia che il ritmo sia basso è proprio lui. Se entra Sturaro si fa il go kart. O il tozzi tozzi. No.

Partita indecifrabile di Pogba, ripresi. Sempre ottimo, comunque.

Bonucci, splendido.

Dybala, meno.

Il primo ha la perfezione da ultimo uomo degli anni ’70.

Il secondo sembra avere il fiatone. Adani suggerisce alla Juve di osare di più, togliendo un difensore centrale. Proprio dopo lo splendido scivolo di Bonucci. I nerd esultano, dinosauri in coma.

Giallo a Pogba. Non è grave. Lo sarebbe stato se a Marchisio.

Non si dice brutta, Adani, la partita spezzettata. Si dice maschia.

Ps, non era giallo a Pogba.

Giallo a Barca Valero, buono. Capace che Sousa senior lo cambi.

Dybala su assist dell’onnipresente Evra. Di poco fuori, non poteva che chiudere l’angolo così. Poi tra Pogba e Chiellini per il taglio in area viola sceglie Chiellini.

Adani giudica discontinuo Pogba. I nerd in ola. E’ troppo, Pogba, per i loro diagrammi.

Forza Orsato, buttalo fuori il pelato dal doppio cognome. Piazzato.

La doveva tirare Pogba. Da destra a sinistra. C’esce un cross male che vada. Dybala sui piazzati sembra una caricatura.

Comunque è nettamente arretrato, il bambolo. Ottima mossa di Allegri, baricentro più elastico. Pressing meno dogmatico, più laico. Adani su tutte le furie, così muore il calcio moderno teorizzato dai gregari.

Splendido triangolo su Evra con Pogba a far da sponda, Orsato sbaglia tutto fermando a cazzo di cane.

Ahi, Manzo in versione muro cieco. Impatta la sfera come Fantozzi. Un Lord Fantozzi Fener magari ma il film è quello. Ottimo Orsato, qui ci scappa il rosso e loro in 10.

Adani se ne frega dei cartellini, non è da 2015. Fa un giro di parole per non dire apertamente che Sturaro entrato per fare il jolly gli sta sul culo volendo lui più punte e non più punti. Si scalda Sandro, il ritorno della Forza per i frati del convento Adani. Il giallo a Marchisio preoccupa solo i vecchi elefanti, gli Adanini son tutti sulle linee di passaggio.

Sandro per Evra, una nuova speranza.

Dybala sarebbe da cambiare.

Sandro subito all’opera, Evra crossava basso seminando il panico. Lui no.

Che goal. Pogba perla, Dybala s’impappina, arriva lo slavo direttamente dall’immondizia dei secoli e gli voglio bene. Due a uno, l’Impero colpisce ancora.

Adani parla di Astori feroce che l’azione comincia da lì, massì. Una pogbata vi seppellirà. Sandro intanto sbatte la palla contro Tomovic, manco a subbuteo si sbagliava così.

Sturaro in fantastico stacco, sfiora il 3, Adani che di suo parlerebbe del tempo e delle sue linee di passaggio sottolinea i cambi con aria torva seguito col pensiero da una generazione cresciuta male.

Standing per Manzo che esce coi guanti come Zico, meglio di Zico. Uno Zico che anziché i film di Natale stasera guarderà morire qualche gallina col collo spezzato.

Tieni palla tieni palla tieni palla Paul. Non guardare Sandro, guarda l’orologio.

Bonucci, nitore classico. Sandro fa un rinvio à la scarpone che gli fa guadagnare 10 punti negli anni ’70.

La Fiorentina si squaglia stirandosi il vestito addosso, giro pallandosi addosso. Il bello del perdere è che si può lavar via e tornare uguali. Come il sesso coniugale. Intanto Dybala maramaldeggia, è festa per tutti.

Sei vittorie sei. Adani si arrende, cerca di parlare del Carpi ma poi vota Mandzukic. Sousa ? Dicono sia bravissimo. Se Allegri avesse fatto i cambi al 90 ° con la squadra stracca, non l’avrebbe passata liscia. Allegri è il diavolo. Sembra quasi di vederlo alla fine delle linee di passaggio dalla fase anale a quella adulta dei suoi denigratori. Signori, i numeri li dà lui.

Sei sei sei.