Il momento della verità

di Antonello Angelini |

Siamo tutti in attesa di questa partita contro i blaugrana.

Tutto è contro di noi: il fatturato, i nomi dei giocatori, la tradizione loro, il palmares  il fatto di giocare la seconda partita fuori casa.  Ma come diceva spesso l’ Avvocato:  “La Juve è per me l’amore di una vita intera, motivo di gioia e orgoglio, ma anche di delusione e frustrazione, comunque emozioni forti, come può dare una vera e infinita storia d’amore.”

Partite di questo genere sono le emozioni forti di un grande amore come quello che io, l’ Avvocato e tanti altri proviamo.

E’ bello esserci in queste sfide, anche con solo un 33% din possibilità di vittoria.

Domani e nella sfida di ritorno capiremo anche quanto la Juventus, dominatrice incontrastata del campionato italiano da sei anni, abbia ancora da recuperare nei confronti di queste corazzate europee.

Nelle ultime tre sfide con questi top club, la Juventus ha sempre giocato alla pari. Il Real Madrid fu eliminato dalla Vecchia Signora per poi perdere 3-1 una finale dal risultato bugiardo e viziato da un rigore non concesso alla Juventus sul risultato di 1-1 . Lo scorso anno il Bayern era virtualmente fuori dalla Champions ad opera della Juventus, ma un arbitraggio che non mi vergogno di definire più che sospetto per la quantità di errori tutti da una parte, rimise la qualificazione nelle mani dei bavaresi complici anche una papera di Evra a tempo scaduto e due incomprensibili sostituzioni di Allegri (Fuori Morata e Cuadrado  per Mandzukic e Pereyra). Ciononostante anche nei supplementari un altro errore di Eriksson spianò la strada alla qualificazione del Bayern Monaco.

Non posso negare che da allora spero in qualsiasi sfortuna per il Bayern .

Quell’ arbitraggio non lo digerirò mai. Per come la vedo io non ci fu alcun errore in  buonafede, bensì un qualcosa di volutamente a senso unico.

Quello che spero di evitare è una ripetizione di tale arbitraggio. E ultimamente (ma anche non ultimamente) il Barcellona ha usufruito di arbitraggi molto favorevoli, compreso quello nel ritorno contro il PSG. Oltretutto ha una serie di cascatori professionisti come Messi, Suarez, Iniesta etc etc.

I difensori della Juventus dovranno fare davvero attenzione. E spero che pure Collina abbia fatto attenzione.

La dirigenza della Juventus spero abbia fatto qualcosa perché non si possano ripetere  situazioni come ad Istanbul (partita sospesa) e Monaco di Baviera.

Nelle sfide ad eliminazione diretta la fortuna, l’ arbitraggio, l’ errore del singolo sono troppo decisivi. Se fosse un girone da 30 giornate non avrei timori.

 

Vorrei postare ancora una volta i fermo immagine di quel furto subito contro il Bayern. Che serva da monito a qualcuno con la testa pelata.