A tutto Moggi: “Questa Juve può fare bene in Serie A. Per la Champions serve di più”

di Manuel Panza |

Nella puntata odierna di Casa Juventibus è intervenuto Luciano Moggi per fare il punto della situazione sui bianconeri dopo le prime sette gare di campionato.

Contro la Lazio è stata fatta una gara in contropiede, spesso in Italia succede perché conta di più non perdere – dice l’ex dirigente sportivo – penso però che bisogna trovare un’identità ben precisa. Dybala in un gioco basato sui contropiedi è poco utile ma è più bravo nei 16 metri, mentre Morata è perfetto per questo stile di gioco“.

Sul campionato: “L’avversario principale della Vecchia Signora dovrebbe essere l’Inter ma loro stanno sbagliando forse più dei bianconeri, sono convinto che la Juventus lotterà per vincere il campionato. Al momento credo che possa creare più problemi il Napoli rispetto ai nerazzurri“. Diverso invece il discorso in Europa: “Penso che la Juventus abbia poche possibilità di fare bene, la squadra non è all’altezza del Bayern Monaco ad esempio, una formazione completa in ogni reparto“.

Percorso difficile in Champions League secondo Luciano Moggi, che successivamente ha evidenziato i problemi attuali della Juventus che non permettono di considerarla una big: “In questa squadra manca un’altra mezzala oltre Arthur. Gli artefici principali della rete subita con la Lazio sono i centrocampisti, è questo il vero problema della Juventus. Rabiot? Bisogna stare attenti quando si dice che è migliorato, sicuramente ha avuto una crescita nelle sue caratteristiche ma non è un calciatore che ragiona in campo. Bentancur invece è un giocatore che viene utilizzato in altra maniera rispetto alle caratteristiche“.

Poi il parere su un calciatore che rinforzerebbe notevolmente il centrocampo: “Io comprerei De Paul perché ha personalità, può stare in panchina e quando entra sa amministrare il gioco e dettare i tempi alla squadra. Secondo me è un calciatore sottovalutato“.

Un’ulteriore lacuna potrebbe essere anche la mancanza di calciatori italiani, che in certe gare possono dare più del normale: “In questo momento la Juventus è accusata di non essere arrembante rispetto al passato: questo è un errore clamoroso. La squadra è composta da pochi calciatori italiani e l’arrembaggio nasce soprattutto da loro perché sentono di più la partita, ci vorrebbero più calciatori come Chiellini“.

Infine Luciano Moggi ha parlato della sentenza che ha decretato la vittoria a tavolino della Juventus contro il Napoli: “Il giudice ha detto chiaramente che il Napoli ha barato, se la società fosse stata innocente sarebbe bastato un ricorso contro la decisione dell’ASL per dimostrarlo“.


JUVENTIBUS LIVE