Micromoviola – Juve-Sassuolo 3-1. Di Bello promosso, Ranghetti rimandato

di Maurizio Romeo |

Arbitro: Marco Di Bello
Sezione: Brindisi

Partita sostanzialmente corretta che non risulta pertanto di difficile gestione da parte del direttore di gara. Di Bello arbitra cercando di interrompere il gioco il meno possibile e solamente per le scorrettezze più evidenti cercando di dare più spazio al gioco. Il suo metro è coerente per tutta la durata dell’incontro, concede qualcosa di più ad entrambe le squadre nella prima mezzora, per poi tirare fuori i giusti cartellini. Nei 4 casi da rigore ci prende a metà, ma le situazioni non apparivano di semplicissima lettura. Qualche errore in più arriva invece dai suoi assistenti, soprattutto dal sig. Ranghetti. Ma andiamo con ordine.

I casi in area

26′ – Contatto Acerbi-Dybala

Le immagini

La posizione e la visuale dell’arbitro

Di Bello segue l’azione che si sviluppa velocemente. Appare forse leggermente coperto da Antei. Buona visuale invece per l’assistente Ranghetti e l’addizionale Fabbri.

Di Bello giudica come non falloso l’intervento di Acerbi, lo si nota anche dalla gestualità: quando appare nell’inquadratura lo si vede muovere la mano facendo in modo evidente il gesto del “no” all’indirizzo di Dybala.

Una foto pubblicata dal fotografo Salvatore Giglio sul suo profilo Facebook mostra il momento del contatto.

rig-27-3-dybala

Il mio giudizio

Analizzando le immagini a disposizione se a velocità normale può sembrare che sia Acerbi a colpire prima il pallone e poi sullo slancio l’avversario, in realtà anche grazie ai replay si nota come sia invece l’attaccante argentino a toccare per primo il pallone prima di venire colpito direttamente sulla gamba del difensore del Sassuolo. Situazione non di facile lettura in presa diretta. Il direttore di gara brindisino è comunque fortunato perchè la Juve segnerà lo stesso al termine dell’azione e si riscatterà per una perla arbitrale che vedremo in seguito.

55′ – Contatto Gazzola-Pjanic

Le immagini

La posizione e la visuale dell’arbitro

Di Bello segue l’azione posizionato correttamente dalla sua diagonale. Sembra avere una buona visuale e forse è solo coperto dal corpo del difensore che entra in scivolata. La sua visuale non sembra essere quindi quella migliore per giudicare (in questo caso da parte sua non arriva alcuna gestualità).
Piazzamento migliore sembra avere invece il suo addizionale Russo.

rig-54-2-pjanic

 

 

Il mio giudizio

Analizzando le immagini a disposizione bisogna dire che anche a velocità normale si coglie abbastanza bene il contatto fra la gamba di Gazzola e quella di Pjanic. Il bosniaco viene evidentemente sbilanciato poco prima di tirare. Di Bello poteva avere difficoltà a cogliere l’intervento falloso del difensore e probabilmente è stato tratto in inganno dal fatto che il n°5 della Juventus riesca ad andare lo stesso al tiro, non percependo la corretta sequenza temporale degli eventi. In questo caso però non lo aiuta assolutamente l’addizionale Russo che era invece in ottima posizione per cogliere l’intervento irregolare del n°23 del Sassuolo.

rig-54-pjanic

Manca quindi un calcio di rigore in favore della Juventus e un cartellino rosso per il difensore, reo di aver interrotto un’evidente opportunità di segnare una rete. Se fosse già stato operativo il Video Assistant Referee (VAR, o più volgarmente, la moviola in campo) con buona probabilità questa decisione sarebbe stata cambiata in questo modo.

rig-54-3-pjanic

67′ – Contatto Acerbi-Lichtsteiner

Le immagini

La posizione e la visuale dell’arbitro

Di Bello è correttamente posizionato sulla sua diagonale e si trova all’interno dell’area di rigore in prossimità del vertice alto alla sinistra dello schermo (fuori inquadratura). Sembra leggermente coperto da Higuain e dal suo marcatore e probabilmente si affida all’assistenza del suo addizionale Russo che, più vicino ai due e senza nessuno che li impalli ha una migliore visuale sull’azione.

Il mio giudizio

La sensazione, guardando anche le immagini ravvicinate e rallentate è che i due direttori di gara abbiano preso la scelta corretta perchè l’intervento alla disperata di Acerbi uncina il pallone al momento del tiro dello svizzero della Juventus e lo blocca a terra in modo assolutamente regolare.

Il n° 15 del Sassuolo poi non può scomparire ed è Lichsteiner che sulla corsa finisce per franargli addosso. Giusta quindi a mio avviso la decisione della squadra arbitrale in questa situazione.

73′ – Mano Chiellini

Le immagini

Il regolamento

A pag. 92 del regolamento, all’interno della Regola 12 (Falli e scorrettezze) sono definiti i parametri che gli arbitri devono utilizzare per decidere se il contatto fra il braccio (o la mano) del giocatore e il pallone sia punibile o meno.

8-4-Regolamento1

Criteri che vengono ribaditi nelle linee guida dell’AIA, in appendice alla regola stessa (pag. 100)

8-5-Regolamento2Criteri

La posizione e la visuale dell’arbitro

Di Bello è correttamente posizionato per l’azione di calcio d’angolo e non sembra essere coperto da nessuno, allo stesso modo anche il secondo addizionale Fabbri ha un’ottima visuale per giudicare e dare assistenza all’arbitro centrale.

Il mio giudizio

La sensazione, riguardando bene sia le immagini a velocità normale che quelle rallentate è la seguente:il braccio di Chiellini è sì legermente largo, ma il suo movimento appare congruo con quello della sua corsa. A far propendere maggiormente per un l’involontarietà è il fatto che il n°3 bianconero, quando si accorge dell’arrivo del pallone, ritrae il braccio per cercare di evitare il contatto. In questo caso è quindi la palla che va a colpire il braccio e non viceversa e probabilmente questo ha convinto Di Bello e il suo assistente a reputare involontario il tocco di mano del difensore della Juventus. Quella presa dalla squadra arbitrale è pertanto una decisione al limite e difficilissima a velocità normale, ma corretta a mio avviso.

Assistenti in offside

Il Regolamento

A pag. 87 del regolamento, all’interno della dedicata  Regola 11 (Il Fuorigioco) sono definiti i criteri di giudizio per definire una posizione di fuorigioco punibile o meno.

regolafuorigioco

23′ – (Non) Offside di Khedira

Le immagini

 La posizione e la visuale dell’assistente

Il secondo assistente Ranghetti in questo caso ha poche giustificazioni, perchè se è vero che in questo caso Acerbi faccia il movimento a elastico, allo stesso modo Khedira corra in orizzontale. In questo caso non si può nemmeno invocare la parallasse, l’errore risulta davvero marchiano.

26′ – Posizione di Dybala in partenza

Le immagini

La posizione e la visuale dell’assistente

Il secondo assistente Ranghetti viene preso in controtempo dal movimento ad elastico di Antei per mettere in fuorigioco Dybala e nel momento del lancio di Khedira si trova fuori posizione e con una prospettiva errata causata dalla parallasse (linea rossa).

 

Il mio giudizio

Azione difficilissima da cogliere a velocità normale ed errore che è spiegabile per come si sviluppa l’azione. La posizione di partenza di Dybala è però irregolare e, anche in questo caso in caso di presenza del VAR, probabilmente l’arbitro centrale avrebbe fermato l’azione per fuorigioco.

Autentica perla arbitrale invece pochi secondi dopo in occasione del gol di Pjanic perché Dybala che sembra essere di poco in offside al momento del colpo di testa del bosniaco…

fg-26-4-dybala

…in realtà non tocchi mai il pallone, colpito proprio dal n°5 bianconero.

fg-26-3-dybala

43′ – Posizione dubbia di Higuain

Le immagini

 La posizione e la visuale dell’assistente

Anche in questo caso il secondo assistente Ranghetti si trova non perfettamente in linea con l’ultimo difensore del Sassuolo, forse preso in controtempo dal rallentamento di Acerbi.

Il mio giudizio

Azione difficilissima anche questa da cogliere a velocità normale e non avendo a disposizione un’inquadratura migliore, Higuain sembra (seppur di pochi cm) al di là della linea del fuorigioco che abbiamo posizionato sul piede di Acerbi. Forse in questo caso non sembra sbagliata la decisione del secondo assistente di Di Bello.

fg-42-gonzalo