Micromoviola Coppa Italia: Juventus-Napoli 3-1. Valeri il decisionista

di Maurizio Romeo |

Arbitro: Paolo Valeri
Sezione: Roma 1

Partita difficile da gestire, considerando anche la fisicità delle due squadre e l’importanza dell’incontro. Valeri però riesce sempre a farlo usando il suo metro che, numeri alla mano, è quello di uno degli arbitri più severi della Serie A.

Nella sua direzione lo fa vedere in più occasioni: le ammonizioni per Diawara e Asamoah che entrano sul pallone ma colpiscono successivamente l’avversario in modo duro ne sono un esempio sin da subito. Sui rigori giudica con il suo metro e non si fa prendere dalla sudditanza verso un eventuale processo mediatico avendo il coraggio di fischiare anche il secondo rigore in favore dei bianconeri dopo un episodio dubbio avvenuto poco prima nell’area opposta.

Dimostra personalità, una qualità che in altri arbitri ben più quotati di lui è spesso difettata.

Qualche piccolo errore qua e là, ma nel complesso una direzione buona.

 

13′ – Spinta di Strinic su Dybala

Le immagini

 

La posizione e la visuale dell’arbitro

Valeri è correttamente posizionato sulla sua diagonale ed è a una quindicina di metri dal punto in cui avviene il contatto perchè l’azione si sviluppa velocemente. Il fotogramma seguente è l’ultimo in ci si vede la posizione. La visuale potrebbe però essere coperta da alcuni giocatori che si trovano sulla direttrice. Diversamente dal campionato non può essere coadiuvato da un addizionale perchè non previsti per la Coppa Italia sino alla finale di Roma.

Il regolamento

A pag. 91 del regolamento, all’interno della Regola 12 (Falli e scorrettezze) sono definite le infrazioni che devono essere punite con un calcio di punizione diretto o, se commesse in area, di rigore.

Spingere

 

Il mio giudizio

Rischia molto in questo caso Strinic, perché senza interessarsi del pallone si preoccupa solo di spingere Dybala lanciato ormai a rete.

13-1-StrinicDybala

 

Sarebbe rigore e cartellino rosso per il giocatore del Napoli per aver interrotto una chiara occasione da rete. Considerando la velocità di corsa dei due e la dinamica dell’azione, la spinta fa perdere decisamente l’equilibrio al n°21 della Juventus. Dybala però cadendo prova comunque a calciare il pallone che viene respinto da Reina in uscita bassa.

13-2-TiroDybala

Questo tentativo dell’attaccante argentino porta presumibilmente Valeri  a non prendere alcun provvedimento: l’arbitro romano valuta che la spinta non abbia influito sulla capacità di produrre un tiro da parte del bianconero. Occorre ricordare che il direttore di gara deve decidere in una frazione di secondo ciò che vede dal campo e probabilmente non ha la reale percezione della spinta del difensore del Napoli e per questo, anche in considerazione del fatto che Dybala vada comunque al tiro si può considerare una piccola macchia sulla sua prestazione, ma non un errore macroscopico.

37′ – Gol di Callejon

Le immagini

Il regolamento

Pag. 87 del regolamento, Regola 11 (Il fuorigioco)

Il mio giudizio

Parte in ritardo il secondo assistente Passeri (internazionale). Quando il pallone è nei piedi di Insigne (che farà) l’assist a Callejon non si trova infatti in linea con l’ultimo difensore bianconero (in questo caso Bonucci).

37-2-PosAss

Al momento dell’assist di Insigne, il collaboratore di Valeri (indicato dalla freccia azzurra) si trova indietro rispetto al punto ottimale e non ha una visuale perfetta. La linea tratteggiata gialla evidenzia la prospettiva di Passeri.

36-Callejon

La sensazione è che lo spagnolo sia in gioco di pochissimo, ma anche se fosse poco oltre Asamoah sarebbe una chiamata talmente difficile da non essere considerata errore in qualunque modo. Probabilmente Passeri segue la direttiva UEFA di non alzare la bandierina in caso di dubbio e, a mio avviso, fa bene.

36-CallejonZoom

64′ – Gol di Higuain

Le immagini

64-GolHiguain

Non ci sono dubbi sulla regolarità del gol di Higuain: Bonucci non tocca mai  il pallone, ma anche se lo avesse fatto il gol non sarebbe stato irregolare perchè al momento del tiro del centravanti argentino, il difensore bianconero si trova dietro la linea del pallone.

46′ – Pestone di Koulibaly su Dybala

Le immagini

La posizione e la visuale dell’arbitro

Valeri è correttamente posizionato sulla sua diagonale e si trova a una quindicina di metri dal punto in cui avviene il contatto. Il direttore di gara cerca la migliore posizione per vedere senza che Diawara gli impatti la visuale in modo decisivo.

Il mio giudizio

Da una visuale molto simile a quella del direttore di gara si nota chiaramente il pestone del difensore del Napoli ai danni di Dybala.

Vengono poi a contatto anche la tibia del giocatore in maglia azzurra con quella dell’avversario.

Il rigore è netto, senza ombra di dubbio. Certamente Dybala accentua poi un po’ la caduta e questo avrebbe potuto confondere il direttore di gara se non avesse visto bene il contatto. Giusto anche non prendere provvedimenti disciplinari.

67′ – Il doppio contatto nelle due aree

Le immagini

La posizione e la visuale dell’arbitro

Laddove non arrivano le immagini televisive, talvolta possono aiutare quelle più o meno amatoriali. Un video dell’utente Pagno72 mostra la posizione di Valeri in occasione di entrambi i contatti.

Nel primo caso si trova a 7/8 metri dal punto del contatto e dispone di una visuale ottimale.

Segnala peraltro molto chiaramente di aver visto e di non giudicare falloso l’intervento facendo “no” con la mano sinistra in direzione dei giocatori del Napoli che stavano protestando.

67-PosValeri1-NoRigore

Al momento del contatto fra Cuadrado e Reina, Valeri si trova già dalla parte opposta, un po’ più distante rispetto al precedente. Non essendo in possesso della visuale perfetta, si consulta con l’assistente Passeri prima di concedere il secondo calcio di rigore in favore dei bianconeri.

67-PosValeri2

Il mio giudizio

Prima di esprimere il mio giudizio vi consiglio di guardare il video ripreso dalla curva da Pagno72.

In occasione del primo contatto si notano:

  • Il tocco di Albiol
  • Il tocco di Bonucci (che ferma la sua corsa per evitare il contatto con l’avversario) sul pallone
  • Il pallone che colpisce il tacco di Pjanic (che stava saltando per evitare di fare fallo su Albiol) e cambia direzione
  • Albiol che, già in caduta, va a colpire il piede sinistro di Pianic con la propria gamba sinistra e cade allungando inspiegabilmente la destra…

67-Albiol

Il contatto fra le gambe comunque c’è: non importa che Pjanic non guardi l’avversario e il contrasto sia involontario. L’unico fallo per cui si deve valutare la volontarietà è quello di mano, mentre per gli altri anche un contatto negligente può essere considerato falloso. Probabilmente la valutazione di Valeri è quella che sia Albiol ad andare a colpire l’avversario e non viceversa.

Riguardando i replay varie volte si può concludere che si tratti di un rigorino: concederlo non sarebbe stato un errore madornale così come non farlo.

Sul ribaltamento di fronte arriva poi il rigore in favore della Juventus: Reina esce in modo deciso per contrastare Cuadrado che lo anticipa con un tocco. Il portiere spagnolo tocca sì il pallone con l’esterno dell’avambraccio…

…ma di fatto non toglie il pallone dalla disponibilità del colombiano che potrebbe calciare in porta avendo il pallone ancora a distanza di gioco. Non può farlo perchè viene travolto dal portiere del Napoli in uscita bassa.

67-Cuadrado

 

Qualora Reina avesse colpito il pallone con la mano aperta e lo avesse allontanato, non ci sarebbero stati dubbi sulla non punibilità, ma in questo caso si tratta di calcio di rigore.

Mi rimane un dubbio sul cartellino estratto da Valeri: non so se sia per proteste o per l’intervento. Nel secondo caso il cartellino giallo saerbbe stato comunque la scelta più giusta.

Fate comunque un ultimo esercizio e provate a riguardare il video precedente a velocità normale. Mettetevi nei panni di Valeri: voi, cosa avreste fischiato?