Caro Materazzi, ho rigiocato la partita del 5 maggio

di Toccoditacco |

“Vi ho fatto vincere uno scudetto,
vi ho fatto vincere uno scudetto”
Marco Materazzi, ieri.
Materazzi sul prato dell’Olimpico che, a cinque minuti dalla fine, piagnucola ricordando ai laziali che LUI due anni prima ha fatto il suo dovere giocandosela da professionista mentre ora che lo fanno loro diventa una colpa.
Fantastico. D’altronde, non potendo recriminare per l’arbitraggio con qualcuno bisognava pur prendersela.

“Rigiocherei la partita del 5 Maggio”
Marco Materazzi, oggi.
Un interista che non accetta il verdetto del campo? Non proprio un inedito. Quelle della Champions 2010 invece vanno bene? Ottavi e semifinali con Chelsea e Barcellona non le rigiochiamo?

Certo, l’idea stuzzica.
Una giornata del genere andrebbe senz’altro rivissuta. In piazza Castello quel giorno faceva caldo e c’erano migliaia di persone. Bellissimo.
Sì, andrebbe rifatta una festa così.

Ovviamente però bisogna fare le cose per benino.

Intanto la rigiocherei solo a patto che in difesa ci sia ancora Materazzi. In panchina Sorondo, non vorrei mai marcasse meglio. A Gresko bisogna spiegare prima che i suoi compagni sono i nerazzurri perchè mi sa che ancora oggi non lo ha capito. A Peruzzi invece bisogna ridare gli stessi guanti, quelli con la sciolina, utilizzati sul corner del (forse) uruguagio Recoba per l’ uno a zero nerazzurro.

Poi #rigiochiamolaconSensi. Ah no, questa è un’altra. A rigiocare questa ci pensiamo la prossima volta.

Andrebbe fatto anche un bel “funerale del calcio” il giorno prima, come successe a Roma nel 2000. Fatto bene, con i tifosi della Lazio gemellati non ci dovrebbero essere problemi. Loro sanno come si fa. Quello aiuta sempre. E poi tutti a tifare Inter assieme all’Olimpico.
Ronaldo (Luis Nazario da Lima, così non vi sbagliate) invece andrebbe convinto. L’avete già fatto piangere una volta, non accanitevi.

Certo, se poi tutto dovesse finire allo stesso modo non ci sarebbero più scuse.
Anzi, se Cesar invece di prendere il palo dovesse segnare, magari stavolta finirebbe perfino 5-2.
Ancora meglio.
E a saperlo prima la maglietta “Rivolete anche questo?” la facciamo noi.

Però questa volta, caro Matrix, ai giocatori avversari bisogna ricordarlo PRIMA della partita che li avevi aiutati a vincere lo scudetto, non al novantesimo.
Già me lo vedo nel sottopassaggio Materazzi dialogare con Simeone e compagni nel prepartita.
“Oh, io vi ho fatto vincere uno scudetto”
“E tu chi sei? Collina?”