L’ultimo atto di Marotta sul mercato: l’affare Milinkovic-Savic

di Luca Momblano |

Quando si tratta di calciomercato, è tutto un chiacchierare dal quale bisogna sottrarsi il giusto e asciugare il giusto. Non sempre è possibile agire sulla cosiddetta controverifica, anzi quello è il momento del BINGO dentro il cuore del giornalista, anche se consapevole che a volte neppure basta una prima firma vincolante e che in questo mestiere l’ultima curva corrisponde quasi sempre alla penultima (fattore del quale sono ancora più consapevoli gli stessi dirigenti addetti alle trattative).

***

Perché questa intro? Perché dobbiamo sempre fare mente locale e conoscere la natura del materiale che stiamo maneggiando. In questo caso materiale addirittura di poco precedente alla subitanea separazione con Beppe Marotta. Il soggetto è Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista o altro della Lazio, una delle due missioni principali dell’ex amministratore delegato a ridosso dell’estate insieme alla cessione a titolo definitivo (preferibilmente lucrativa) di Gonzalo Higuain su decisione collegiale. In estate, per tutta una serie di motivi non necessariamente imputabili allo stesso Marotta – che fino a prova contraria non fa le trattative con se stesso – le due situazioni non si sono sviluppate come si riteneva potessero. Nello specifico, per Milinkovic pre-Mondiale Lotito non è mai sceso sotto i 150 milioni di euro di valutazione e per Milinkovic post-Mondiale ha aperto a possibili club (risulta ci abbia provato, magari goffamente, soltanto il Milan di Leonardo) che a questa cifra arrivassero attraverso robusti bonus come si dice genericamente “facilmente raggiungibili”. La storia postuma la conosciamo così com’è: il serbo è rimasto, non senza un pizzico di giusta delusione, in biancoceleste siglando poi in autunno un rinnovo di poco superiore ai 3 milioni a stagione.

***

C’è però un seguito alla chiusura del calciomercato del 17 agosto scorso. Edè proprio “firmato” Marotta a metà settembre: il dialogo con la Lazio (Tare ha fatto da mediatore su volontà del calciatore) ha portato dei frutti. Juventus e Lazio, attraverso la parola di due dirigenti che hanno il potere di firma – appunto Marotta e Lotito – sarebbe stato raggiunto un accordo di massima che consegna un potere di acquisto da parte della Juventus (salvo offerte ufficiali di entità maggiore) esercitabile a partire da gennaio 2019 per acquisire le prestazioni sportive di Sergej Milinkovic-Savic. La cifra prestabilita sarebbe di 110 milioni, pagabili in almeno tre esercizi.

***

Si tratterebbe quindi di un accordo piuttosto specifico, magari non vincolante ma significativo, dopo che in estate la Juventus si era spinta fino a offrire 70 milioni cash, in quel caso ritenendo di poter sacrificare uno tra Pjanic e Dybala (il primo subissato di offerte, il secondo in bilico per eventuali offerte sopra i 90 milioni di euro). Un accordo che si suppone possa persistere, passando dunque tra le mani di Fabio Paratici il quale potrà agire come meglio ritiene. Certo è che Milinkovic-Savic piaceva proprio a tutti, uno dei rarissimi profili che “metteva d’accordo chiunque in società, a tutti i livelli”. E certo è che Paratici nella seconda parte della stagione 17/18 lo fece ripetutamente seguire sul campo da almeno due osservatori alla volta, magari anche all’insaputa gli uni dagli altri. Personalmente, credo bene che il discorso Pogba sia parallelo ma sovrapponibile, e che inciderà in modo significativo sulle intenzioni della Juventus rispetto a un profilo “monstre” – a prescindere dalle prestazioni che attualmente sta fornendo nella capitale – come quello di Milinkovic-Savic.

Altre Notizie