Marchisio il dominatore: le statistiche

di Alex Campanelli |

L’assist di Paul, la staffilata di Paulo, la grinta di Giorgio; tutto bello, anzi bellissimo, ma non ce ne vogliano gli altri bianconeri se ieri a rubarci l’occhio (e il cuore, come accade da tempo) è stato un onnipresente Claudio Marchisio. Ieri sera il Principino, ora insuperabile frangiflutti davanti alla difesa, ora fine tessitore della manovra bianconera, ha offerto una prestazione definibile solamente con la parola “totale“. Andiamo ad approfondire la sua gara attraverso le statistiche.

heatmap marchisio

Mediano, regista, mezzala destra e sinistra; la classica heatmap mostra come Claudio abbia ricoperto in realtà tre o quattro ruoli differenti, risultando praticamente onnipresente a centrocampo, come confermano gli oltre 12km percorsi in 90′ (migliore dei bianconeri, secondo solo a Pjanic). Presenza, ma anche sostanza, con 4 palle recuperate (secondo solo a Evra) e solamente una persa, e addirittura il 95% di passaggi riusciti, 55 appoggi utili su 58 tentati, statistica che rimane quasi invariata (93%) se consideriamo solamente i passaggi nella metà campo avversaria.

passes marchisio

Numeri come quelli di cui sopra basterebbero per garantire al numero 8 un voto oltre la sufficienza, ma è andando ad esaminare le statistiche relative agli interventi difensivi che la gara del Principino assume davvero contorni regali. Difficile, per dire, spuntarla in un faccia a faccia contro Claudio, che oggi ha lasciato le briciole agli avversari vincendo 10 duelli su 12, numeri che accosteremmo a giganti della mediana come Matic o Krychowiak, che oggi Marchisio ha perlomeno eguagliato. Efficacia massima anche per quanto riguarda i tackle, 5 su 6 riusciti, e gli intercetti, 4, migliore in campo in entrambi i casi. Lavoro sporco svolto con pulizia estrema, considerando l’unico fallo commesso da Marchisio nell’arco dei 90′.

Il dominio territoriale della Juventus sulla Roma, oltre che all’atteggiamento sparagnino degli uomini di Spalletti, è dovuto dunque all’egemonia di Claudio sul centro del campo. A chi dice che in campo si vede poco e il suo contributo non sempre è decisivo, consigliamo dunque la lettura di questo articolo, oltre ovviamente all’acquisto di un buon paio di occhiali da vista!