L'outing degli imparziali

di Sandro Scarpa |

Premessa
Il lavoro del giornalista si ispira alla libertà d’informazione e di opinione, sanciti dalla Costituzione, e regolati dall’art. 2 legge n. 69 del 3.2.1963 e Carta dei Doveri (8.7.93), siglata da Ordine dei Giornalisti e Federazione Nazionale Stampa Italiana.

Il giornalista deve assicurare un’informazione qualificata, obiettiva, imparziale, completa e corretta, deve garantire il pluralismo delle fonti, in modo da porre il cittadino in condizione di compiere le sue valutazioni, avendo presenti punti di vista differenti e orientamenti contrastanti.

Quattro anni di Juve hanno creato una egemonia sportiva che ha depresso gran parte del giornalismo. La crisi Juve di inizio anno, il torneo bellissimo, la Roma stellare, l’Inter cinica, la Fiorentina europea ed il bel gioco del Napoli avevano ringalluzzito quei tanti che, dopo la straordinaria rimonta bianconera, hanno mollato ogni freno inibitorio (come Higuain ieri) e fatto outing, infischiandosene dell’imparzialità e parteggiando spudoratamente non per una squadra o l’altra, ma inequivocabilmente CONTRO la Juve.

SEI DOVERI

Ecco 6 Doveri del Giornalista e 6 giornalisti di 3 network nazionali (Rai, Premium e SKY).

1. VERITA’

Il dovere più pregnante del giornalista e caposaldo del diritto di cronaca è il dovere di verità, “obbligo inderogabile”. Un’informazione che occulta o distorce la realtà dei fatti impedisce alla collettività un consapevole esercizio della sovranità.

Mario Sconcerti (Sky), giornalista dal 1972, dir. CorSport (2000-2005), ex-DG Fiorentina, ex-DG Cecchi Gori Group, collabora con la romana Radio Radio, ospite fisso in radio e tv Napoletane.

2. CREDIBILITA’

Il giornalista non deve omettere fatti o dettagli essenziali alla ricostruzione dell’avvenimento. Titoli, sommari, foto e didascalie non devono travisare, né forzare il contenuto delle notizie.

Maurizio Pistocchi (Premium), giornalista dal 1978, in Mediaset dal ’86, ex-DT del Cesena Primavera (all. Sacchi), ospite fisso in radio e tv Napoletane.

3. AUTONOMIA

L’autonomia del giornalista garantisce l’obiettività dell’informazione e serve unicamente la collettività, perseguendo l’interesse generale. Il giornalista non può accettare pagamenti, rimborsi spese, elargizioni, vacanze, trasferte, inviti a viaggi, regali, facilitazioni o prebende, da privati che possano condizionare il suo lavoro o ledere la sua credibilità e dignità professionale.

Enrico Varriale (Rai), giornalista dal 1985, in Rai dal 1986. Autore del libro “Napoli 8 e ½” sul Napoli di Mazzarri, da lui stesso presentato in tour in vari Club Napoli d’Italia.

CawbT8iWAAINN6k (1)

Ospite al Park Hyatt Hotel di Pechino a spese della SSC Napoli per la SuperCoppa del 2010.

“Nulla da dire sul comportamento di Varriale perché ha avuto l’ok dell’azienda, ma io ho apprezzato molto, che il direttore di RadioRai abbia rifiutato l’invito di De Laurentiis” così l’allora Presidente del Sindacato Giornalisti Rai, Carlo Verna (napoletano..)

4. OBIETTIVITA’

La Carta dei Doveri stigmatizza lo stato di sudditanza del giornalista o interessi in conflitto con il dovere di verità. Insomma, casi il cui verificarsi ingenera il dubbio sulla capacità o volontà del giornalista di dare vita ad un’informazione obiettiva, in presenza di convincimenti che possano ostacolarla.

Fabio Caressa (Sky), giornalista dal 1996, prima ancora a Teleroma 56, poi cronista per le gare della Roma. A Tele+ dal ’91. Ora Direttore SkySport.

5. DISCRIMINAZIONE

Il giornalista ha il dovere fondamentale di rispettare la persona e la sua dignità e non discrimina mai nessuno per la sua razza, religione, sesso, condizioni fisiche o mentali, o opinioni ed inclinazioni.

Ivan Zazzaroni (ospite RAI), giornalista dal 1984, varie testate, ospite fisso RAI alla DS, conduce “Deejay Football Club” con Caressa”, conduce “Il Bello del Calcio” su Canale21 di Napoli, ospite fisso in radio Napoletane. Giurato in Ballando con le Stelle.

6. EQUIDISTANZA

Il giornalista nello svolgimento del suo lavoro ha il dovere di preservare i principi cardine della correttezza, obiettività ed equidistanza.

Paola Ferrari (RAI), debutta come centralinista in Portobello, giornalista dal 1988 su Telenova, poi in Rai. Sposata con Marco DeBenedetti (ex-AD TIM). E’ stata giurata-concorrente in Ballando con le Stelle.

ferrari-esulta-gol-napoli