Lo scudetto della rosicata

di Nevio Capella |

Lo scudetto del Rosicamento – I primi effetti del #JR7



Lo ammetto, tra gli svariati motivi che ci hanno creato tensione (edulcorato eufemismo che sostituisce un più realistico “ci hanno devastato il cervello”) in questa interminabile striscia di giorni iniziata la sera del 28 Giugno e terminata martedì 10 alle 18.34, c’era l’interrogativo amletico su come avremmo potuto gestire il momento immediatamente successivo allo sgonfiamento di quella che, onestamente, sembrava a tutti una semplice “bolla di mercato”.
Del tipo “stai a vedere che proprio nel periodo in cui dominiamo da anni sul campo, riusciamo a trovare il modo per farci prendere in giro”, e invece come ormai anche le pietre sanno, siamo qui a chiedere in loop di non essere destati dal sogno diventato realtà e a ricostruire con aneddoti di vario genere la settimana più bella di sempre.

Lo ha fatto Giuseppe Gariffo qui, ricordando tutti i coming out di personaggi più o meno pubblici miseramente tramutatisi in figure barbine, ma se esiste un’esperienza di goduria suprema figlia dell’arrivo di Cr7 alla Juventus, beh, questa non può che essere l’incredibile mole di reazioni a caldo che non fanno altro che certificare la straordinarietà di questa operazione.
Gia lo scorso Aprile e, più in generale sul finire di stagione, il nostro speciale “Rosicometro” aveva segnato livelli altissimi di impazzimento, ma se era stato bello mandare ai matti i nostri avversari sul campo, lo è ancora di più farlo con il calcio mercato, e provate a indovinare da quale parte d’Italia arriva la più massiccia onda anomala di bile.

Sì, se state pensando a Napoli e in particolare ai tifosi del Napoli siete stati bravi, sono proprio loro a fregiarsi di questo nuovo importante titolo assegnato a bocce ancora ferme: lo Scudetto del Rosicamento.
In realtà, i nostri amici vesuviani avevano iniziato col vento in poppa la stagione del mercato estivo annunciando il nuovo allenatore Carlo Ancelotti e, con lui, una serie di suggestioni e strani avvistamenti rivelatisi poi solo dei ciclopici abbagli



 

                                                                    

il tutto sull’onda emotiva dell’arrivo di un allenatore indubbiamente vincente dal quale però ci si sentiva quasi in diritto di aspettarsi i conseguenti acquisti di livello internazionale, non a caso i tifosi e le relative paginette sempre più simili a fanzine adolescenziali, iniziavano a sognare in grande

                                                                           
anche in memoria dell’antico feeling (ovviamente univoco) sbocciato tra la città di Napoli e il fuoriclasse portoghese, in occasione dei suoi recenti incroci vincenti con l’odiata Juventus

                                                                            



Del resto si sa, Napoli è piazza ambitissima da chiunque, e non solo per questioni di campo o per l’indiscusso curriculum di vittorie morali della società partenopea, quindi per convincere i grandi campioni a sposare il nuovo progetto di Ancelotti si può puntare su molteplici fattori

 


Insomma, tutto sembrava andare per il meglio dopo le prime settimane di mercato, ma proprio quando mancava solo la puntuale prenotazione dello scudetto di capitan Hamsik, ecco arrivare le prime voci di un possibile sondaggio fatto dalla Juventus proprio per il beniamino locale, Cristiano Ronaldo, voci accolte ovviamente con ironia e scetticismo dall’ambiente napoletano

 

                                                                         

con suffragio universale certificato, manco a dirlo, dal sito di riferimento dei tifosi del Napoli, sempre super partes e mai schierato, “Il Napolista”

 

                                                                        

che però con il passare dei giorni, nonostante la semplice “suggestione e nulla più”, inizia a diventare una sorta di portale aggiornato in tempo reale sulla vicenda Juventus-Ronaldo in maniera sempre più compulsiva e dettagliata, come dimostra la home page dello stesso sito la mattina di sabato 7 luglio

                                                                       


Contemporaneamente il cerchio inizia a stringersi e anche fonti solitamente attendibili o comunque non tacciabili di faziosità pro juve, alimentano quella che non è più un’indiscrezione ma una concreta trattativa.
I tentativi di mascherare il panico e lo sgomento sono sempre più approssimativi e tragicomici, ed è in questo momento che la linea del Rosicometro inizia a salire senza più fermarsi

 

 

 

 

 

                                                                         
                                                                          
                                                              

Sono giornate in cui la ricerca di notizie e aggiornamenti diventa compulsiva non solo per i tifosi della vecchia Signora: infatti, mentre noi della redazione di Juventibus trascorriamo una delle ore più divertenti di sempre tracciando in tempo reale il volo che sta portando Andrea Agnelli in Grecia da Cr7, qualcun altro prova a stemperare la tensione pubblicando aggiornamenti riguardanti altro, e tutto ciò tradisce la palpabile tensione che porta a non riconoscere nemmeno i propri giocatori, come dimostra questo post della pagina Instagram del Napoli in cui lo spagnolo Fabian Ruiz viene taggato come Alex Meret


 

                                                                         

ma è ormai chiaro che quello che è stato definito “l’affare del secolo” è destinato a farsi, e così arrivano i primi inequivocabili segnali di resa con conseguente cambio delle posizioni e del pensiero su Ronaldo.
C’è chi cade nello sconforto più desolante

 

                                                                        

e chi invece la butta sul moralismo melodrammatico, disciplina in cui peraltro già in passato sono arrivate da queste “fonti” grandi dimostrazioni di talento naturale

 

 

                                                                      
                                                                        

mentre il compito più difficile spetta, come sempre, ai siti di riferimento del popolo partenopeo che nel tentativo di lenire le ferite si lanciano in voli pindarici talmente grossolani e improbabili da suscitare quasi tenerezza

 

 

 

                                                                        
                                               

Ovviamente non mancano i pareri di celebri opinion leader della napoletanità, in questo caso Angelo Forgione, già noto per diversi suoi pensieri antijuventini passati, che sciorina in un solo post tutte le sue raffinate doti di matematico nonché di chiaroveggente

                                                                       

e per restare in tema di esoterismo ecco anche la preziosa testimonianza di Gennaro D’Auria

 

                                                                    

E’ tempo insomma di chiedere aiuto ad amici e persone vicine, per risolvere problematiche che tolgono il sonno



                                                                       


ma anche di prendere grandi decisioni con il cuore in perenne lotta contro la ragione, in una drammatico scontro tra il primo che suggerisce di non cadere nel tranello di questa colossale fake news inventata dai giornali, e la seconda che invece consiglia di impegnarsi una sorta di pegno da pagare pur di non vedere realizzato il trasferimento del portoghese a Torino


                                                     

Si arriva così al giorno dei giorni, martedì 10 Luglio 2018, una data che i più faranno fatica a dimenticare, a prescindere dalla fede calcistica.
Il giorno di Agnelli che vola in Grecia, il giorno del sito della Juventus in crash e degli account social dei bianconeri che incrementano di oltre il 10% in poche ore il numero di followers, il giorno dell’accettazione della cruda realtà.
La redazione de “Il Mattino” la butta subito sull’indignazione, forte dell’esempio di integrità morale, umana e professionale che è stato, ed è tuttora, il calciatore di riferimento della tifo napoletano

 

                                                                         

mentre il mitico Carlo Alvino, che poche settimane prima in occasione della tripletta di Cristiano Ronaldo contro la Spagna ai mondiali di Russia aveva fatto questo euforico coming out

                                                                           

solleticato in merito da Giuseppe Cruciani nella trasmissione “La zanzara” espone con sfrontatezza quello che pensa realmente del calciatore portoghese

                                                     
Quanto ai tifosi comuni, abbiamo imparato a conoscere e amare le loro reazioni low profile già da tempo, e quindi non possiamo stupirci se si liberano delle (ex) amate maglie di Cr7 con un’eccezionale solerzia forse superiore anche a quella con cui si liberarono di quelle di Higuain due anni fa, sebbene questa volta siano cambiate le modalità di…smaltimento

                                                          

e credo sia giusto chiudere questa meravigliosa carrellata con due testimonianze che definire perle sarebbe riduttivo.

 

 

                                                                    

 

E’ a loro due che abbiamo deciso di regalare le due magliette celebrative acquistate sullo store online del Napolista che fanno da copertina a questo articolo, magliette che dalla sera di quella splendida rovesciata allo Stadium hanno registrato un numero di vendite e richieste incalcolabile.
Il tutto mentre a Dimaro è iniziata la nuova stagione del Napoli tra sogni di mercato

 

                                                                      

e acquisti già conclusi

 

                                                                      

che il “Ronaldo del Napoli” tiene monitorati sotto il suo sguardo vigile che a noi ricorda qualcosa, anzi, qualcuno di già visto.

 

Ma quando tutto sembrava oramai passato, da Napoli decidono di sparare l’ultimo colpo, e che colpo! Un nuovo titolo da esporre in bacheca il trofeo “prima scelta di Cristiano Ronaldo”

 

 

Cos’è il genio?