L’enciclopedia dell’assist di Gonzalo Higuain

di Michael Crisci |

Del nuovo Gonzalo Higuain, quello che per diventare il giocatore totale di adesso, anche se spesso part time, ha passato le forche caudine del doppio prestito a Milan e Chelsea, oramai sappiamo tutto; umile, rilassato, felice, uomo squadra, senza più fantasmi o rivincite. E’ giusto però sottolineare che la nuova versione del Pipita è anche una piccola, ma significativa, riedizione del Pipita del passato, ovvero quello che Capello e Baldini scoprirono al River Plate, e che portarono al Bernabeu nell’inverno del 2007. Higuain nasce essenzialmente come rifinitore, e in questa stagione ha deciso di rispolverare questa dote, facendo sfoggio di tutto il repertorio cui un assistman possa attingere, praticamente un’enciclopedia:

ATLETICO MADRID-JUVENTUS 2-2 (0-1 di Juan Cuadrado) – L’APERTURA DRITTO PER DRITTO

Inauguriamo questa breve (per ora, si spera) ma intensa galleria col gol del vantaggio di Cuadrado contro l’Atletico: qui il Pipita si prodiga in un’intelligentissima apertura, in fase di ripartenza, da sinistra verso destra, appena fuori dal limite dell’area, per l’accorrente colombiano, che poi mette la palla sotto il sette di sinistro.

TORINO-JUVENTUS 0-1 (0-1 di Matthijs de Ligt) – L’APPOGGIO

Al 70′ minuto del derby della mole, la Juve conquista l’ennesimo angolo; qui Higuain è intelligentissimo a intuire la traiettoria dello stesso, e a dileguarsi dal mucchio in area di rigore. Una volta spiovuto il pallone, l’argentino lo appoggia, di controbalzo e con la giusta forza a de Ligt, che in mezzo all’area non ha difficoltà a scaricare il pallone in porta.

LOKOMOTIV MOSCA-JUVENTUS 1-2 (1-2 di Douglas Costa) – LA SPONDA (DI FINO)

Qui fa quasi tutto Douglas Costa, ovviamente, ma il quasi è rappresentato dall’intelligentissima ed altrettanto elegante sponda di tacco del numero 21. Qui c’è solo da vedere, ammirare e applaudire.

JUVENTUS-MILAN 1-0 (1-0 di Paulo Dybala) – LA SPONDA (CLASSICA)

Altro esempio di sponda nel gol vittoria contro il Milan; in questo caso Higuain è imbeccato da Bentancur, all’altezza della lunetta dell’area di rigore. Con la coda dell’occhio scorge Dybala, libero da marcature, che così viene messo nella condizione migliore per puntare Romagnoli; il resto è farina del sacco del numero 10

ATALANTA-JUVENTUS 1-3 (1-3 di Paulo Dybala) – L’APERTURA A TAGLIO CAMPO

Dopo aver ribaltato personalmente il risultato, nel recupero del match del Gewiss Stadium di Bergamo, Higuain, in azione di contropiede in pieno recupero, stoppa alla grande un pallone poco dopo la linea di centrocampo, salta un avversario e lancia Dybala in corsa, sul versante destro d’attacco, tagliando praticamente il campo. Dybala poi completa l’opera, e mette in cassaforte il risultato.

JUVENTUS-UDINESE 3-1 (2-0 di Cristiano Ronaldo) – LA VERTICALIZZAZIONE

Mancava al repertorio di questa stagione la più classica delle verticalizzazioni, con Ronaldo che non si fa pregare e buca Musso per il momentaneo 2-0.


To be continued…


BONUS TRACK

JUVENTUS-BAYER LEVERKUSEN 3-0 (2-0 di Federico Bernardeschi) – IL CROSS BASSO

Le statistiche non lo riconosceranno mai come assist, per via di un deviazione minimale, ma questo è un assist a tutti gli effetti: Higuain inizia l’azione sulla trequarti, scambiando con Ronaldo, dettandogli il passaggio in profondità, e rimettendo poi il pallone in mezzo, dove poi Bernardeschi deposita il pallone in fondo alla rete.


JUVENTIBUS LIVE