Le prossime 5 subdole mosse del Palazzo

di Sandro Scarpa |

uguali

NOTA BENE

Nei nostri server è finito per errore un post di Napolibus, un blog nostro omologo, dal titolo “Il Palazzo Complotta ma la Città resta Matura”. Lo pubblichiamo con tutte le cautele del caso.

 

Contro il Sassuolo, la Juve non può assolutamente fermare la sua corsa, a pochi giorni dalla sfida dell’Allianz, la gara che tutta Italia sta aspettando per confermare la Tesi Rosenborg del Maestro Arrigo. Ecco perché secondo l’opinione pubblica di un Paese intero, che a causa della Juve capolista non riesce a risollevarsi, le subdole spire della piovra bianconero hanno già tessuto la solita trama mafiosa per poter vincere facile.

Dopo la squalifica iniqua di Defrel, dopo gli infortuni sospetti di Missiroli e Paolo Cannavaro (noto simpatizzante bianconero dopo essere stato allontanato da Napoli), ecco –toh!– guarda caso il solito forfait di Mimmo Berardi, uomo controllato dalla Juventus, alle prese con un presunto quanto improvviso febbrone da cavallo.

La Juve non è nuova a questi metodi malavitosi: ricordiamo solo nelle ultime settimane, il gol di Zaza “che doveva essere squalificato” per 2 turni, il gol di Bonucci graziato dal giallo nella gara precedente e infine, come dimenticare l’intervento spacca gambe dello juventino Buchel su Hamsik, in Napoli-Empoli..

Ma ecco le prossime 5 maligne mosse che Marotta e i suoi sono pronti a perpetrare:

Febbrone per Vrsaljiko!

Possiamo già anticipare che nel pomeriggio il Sassuolo dell’amicone Squinzi e del fido AD Carnevali (testimone di nozze di Marotta), dirameranno un comunicato ufficiale: Sime Vrsaljko è out per una febbre improvvisa, dopo aver passato la notte in stanza con Mimmo Berardi. Out l’altro promesso sposo della Juve. Altri guai per Di Francesco!

Trotta-Peluso-Ariaudo

Già vessato da infortuni sospetti il Sassuolo sarà costretto a schierare tutti gli uomini fidati del boss Marotta: l’ex-Peluso si disimpegnerà in lisci, autogol e un’ovvia espulsione dopo 20 minuti (per non dare nell’occhio). Il centrale Ariaudo lascerà Mandzukic libero di accendersi un intero pacchetto di Marlboro in area, tra un gol e l’altro. Infine Trotta e Rogerio, presi in joint venture, rovineranno tutte le trame offensive di Di Francesco. Del resto, si sa, il Sassuolo si scansa sempre, pure all’andata..

La sceneggiata di Zamparini

Parallelamente la Juve agisce nell’ombra per defraudare la diretta rivale Napoli, già nella prima gara di ciclo terribile: la durissima gara in casa di un Palermo mai così brillante, con un Vazquez già venduto ai bianconeri. Zamparini, con le casse piene dei soldi bianconeri per Dybala, da giorni sta inscenando la sceneggiata della squadra vittima sacrificale –Perderemo 5-0, vorrei vendere Vazquez al Napoli– con la finta contestazione dei tifosi rosanero, ma sottotraccia si prepara l’inferno per Higuain e soci, col burattinaio Marotta a tirare i fili.

Sgherri ed Ex

Mentre la Juve troverà dopo il Bayern un derby di finte ostilità (basta ricordare gli affari Ogbonna e Immobile) e un Milan da sempre compagno di merende, il Napoli sarà atteso da l’insidiosissima gara interna contro il Genoa, nemico storico dei partenopei guidato dall’ex-juventino Gasperini, poi ancora la trasferta ad Udine, nello stadio costruito grazie ai finanziamenti bianconeri, contro la coppia gol Zapata-Di Natale, ansiosi come sempre di segnare a raffica contro il Napoli. Dulcis in fundo ancora al San Paolo contro la fatal Verona, dell’ex-bianconero Delneri. Praticamente tutti gli sgherri della Nuova Triade bianconera, Agnelli, Nedvev e Marotta, che cercheranno di fare la festa al magnifico Napoli di Sarri, già frenato in Europa dai sodali del bianconero Platini, che trama anche da squalificato.

Spie bavaresi

Intanto, prosegue l’opera di disgregazione a opera del vecchio cuore bianconero Arturo Vidal, inviato come infiltrato nella rosa del Bayern Monaco. Dopo aver fatto la spia, minato la professionalità dei suoi compagni con uscite notturne in discoteca e festivi per tutta la stagione, dopo aver sputtanato Guardiola, Arturino, in contatto whatsapp con Marotta, si prepara al vero colpo gobbo: espulsione al 10’ della gara all’Allianz per gesto violento nei confronti di uno dei suoi stessi compagni: Muller o Lewandovski, uno a scelta. A completare l’opera poi Kingsley Coman, in prestito farlocco dalla Juve, pronto ad insaccare nella sua stessa rete al primo occhiolino di Marotta dalla tribuna.

Diavolo di un Marotta. Altro che Moggiopoli!