Le cifre del mercato di gennaio

di Leonardo Dorini |

E’ tempo di tirare le somme del mercato di gennaio della Juventus: lo facciamo leggendo i comunicati stampa ufficiali e cercando di valutare l’impatto complessivo delle principali operazioni, nei termini che sono stati annunciati al mercato.

Le 5 operazioni comunicate sono quelle riguardanti i giocatori Gonzalo Higuain, Stefano Sturaro, Mahdi Benatia, Emi Audero e Martin Caceres.

Iniziamo dal più semplice, il Pipita Higuain: qui la Juventus ha traslato l’operazione in essere con il Milan AC al Chelsea FC, ai medesimi termini; non vi sono quindi impatti sul bilancio; il cartellino del bomber argentino rimane di proprietà della Juve ed il prestito, a giugno, potrà essere prorogato di un altro anno (a 18 milioni) o lasciare spazio alla cessione del giocatore a 36 milioni, che sarà il suo residuo valore di bilancio; anche ora, come prima, ovviamente il compenso del giocatore non è più a carico del Club bianconero.

Nel caso di Emil Audero, si è modificata la pattuizione contrattuale che prevedeva un prestito fina a giugno e due opzioni incrociate: ora la Sampdoria ha l’obbligo di acquisto a giugno – anche se il comunicato parla della sussistenza di “determinati obiettivi” – per 20 milioni e la Juve ha rinunciato ad una propria contro-opzione di acquisto. In questo caso, essendo il giocatore in carico praticamente a zero (120 mila euro al 30/6/2018) la società avrà una forte plusvalenza, praticamente di 20 milioni, con impatto di cassa spalmato su 4 esercizi.

Veniamo a Stefano Sturaro: risolto il contratto lo Sporting di Lisbona, il deal con il Genova è fatto di tre componenti: un prestito fino a giugno, per 1,5 milioni, ed un obbligo di acquisto, ma qualora siano raggiunti determinati obiettivi, a 8,5 milioni, cui si potrà aggiungere un premio di ulteriori 8 milioni al verificarsi di condizioni contrattuali non indicate; quindi alla somma di 1,5 milioni potranno aggiungersi ben ulteriori 16,5 milioni, benchè ciò sia soggetto a condizioni.

Mehdi Benatia è stato ceduto al Club Al Duhail per 8 milioni, più ulteriori 2 di premio; il giocatore era in carico proprio alla cifra di 8 milioni, come ricostruiamo nello schema qui sotto, ed ecco perché il comunicato parla di “effetti economici non significativi”, anche se i 2 milioni di premio, se arriveranno, saranno tutta plusvalenza.

Volendo riassumere quindi, le principali cessioni hanno sviluppato ipotesi di incassi variabili fra 36,5 e 47 milioni (senza contatre i prestiti), con una forte variabilità relativa al caso Sturaro. Le plusvalenze non mancheranno e si aggireranno fra i 24,9 e i 35,4 milioni a secondo del verificarsi delle varie condizioni.

Dopo 4 casi di uscita, come sappiamo ce n’è stato uno in entrata, il ritorno di Martin Caceres; l’operazione, un prestito fino a gennaio, è avvenuta al valore di 0,6 milioni di Euro; un prezzo di saldo, anche se pare che Martin dovrà prendere presto servizio!

 

Aggiornamento del 6 febbraio: oggi la Juventus ha comunicato che si sono avverate tutte le condizioni per il riscatto di Stefano Sturaro. Quindi la cessione a 16,5 milioni può dirsi definitiva. Lo schema sopra riportato cambia in positivo, in questo modo: