L’ambiente Juve il vero valore aggiunto

di Riceviamo e Pubblichiamo |

Di Rodolfo Eugenio Lollini

Ho assistito esterrefatto alla conferenza stampa di Maurizio Sarri. Sapevo che non sarebbero arrivati impreparati a questo primo approccio con la stampa, ma i risultati sono andati ben al di là di ogni rosea aspettativa. Come mi diceva con una battuta l’amico Roberto Colombo, Presidente dello Juventus Club Groane, probabilmente il mese trascorso tra l’addio di Allegri ed il suo arrivo, è stato principalmente dedicato a questa trasformazione, al limite della lobotomia, anche se sulla fronte spaziosa del tecnico ex Chelsea, non si notavano cicatrici 😉

Mi è quindi venuta in mente una vecchia e famosissima pellicola di più di trentanni fa: “Una poltrona per due”. Nel film i due fratelli Duke, agenti di cambio proprietari di una storica azienda operante in borsa, hanno vedute diverse circa la natura umana. Uno sostiene che gli uomini siano geneticamente predisposti alla delinquenza o al successo, mentre l’altro è convinto che sia l’ambiente nel quale si cresce a determinare l’agire e le abitudini, sia positive sia negative, di una persona. Per far ciò, oltre a licenziare e cercare di portare alla rovina il loro giovane direttore, nominano al suo posto uno scapestrato Eddy Murphy, senzatetto che vive d’espedienti. Ebbene, Murphy si rileva un’autentica sorpresa: onesto, lavoratore, zelante e subito a suo agio in questo nuovo ruolo.

Al netto della provocazione, ecco il parallelo con il nuovo coach bianconero. Gentilissimo, elegante come un damerino, sembrava il sosia del Sarri che avevamo conosciuto. Alter ego tipo quelli che vengono ingaggiati da qualche presidente/dittatore a mo’ di specchietto per le allodole per gli attentatori…

Abbiamo avuto civilissime risposte e spiegazioni per tutto, dal dito medio (mi ero già scusato e poi quelli non erano tifosi bianconeri), al palazzo (che era solo sinonimo di scudetto), passando per i rigori a quelli con le maglie a scritte (ma era in Milan-Empoli), il bel gioco che non è in antitesi col vincere ecc ecc.

Convincente anche più di Paratici, quando ha sostenuto che Sarri è stata la prima ed unica scelta. Negare sempre, anche con le mutande in mano, suggeriva un vecchio play-boy, nel caso si venisse scoperti dalla moglie insieme all’amante.

Insomma una bellissima prima parte. Ora vedremo il seguito che speriamo si distacchi dalla trama del film. In quello i fratelli Duke, finiscono in rovina insieme alla loro storica azienda.


JUVENTIBUS LIVE