L’ insostenibile pesantezza delle Fake News

di Nevio Capella |

Un vecchio spot tv degli anni 90 che diceva “Una telefonata ti allunga la vita” mi è tornato in mente in queste ultime settimane, più o meno a partire dal fischio finale di Inter-Juventus dello scorso 28 Aprile, momento che sembra essere diventato un vero e proprio spartiacque non solo della stagione calcistica ma dell’intero modo di approcciare al calcio di alcuni tifosi, peraltro in netta contrapposizione a quelli che erano stati i loro atteggiamenti dominanti durante l’inverno, e collegando quello spot al famoso cartellino giallo che l’arbitro Orsato non ha sventolato quella sera in faccia a Pjanic, l’ho rielaborato nella versione “Un cartellino ti cambia la vita”.

Eh già, perché quel cartellino sembra aver definitivamente  rovesciato il modo di porsi e ragionare di un’intera massa di tifosi, addetti ai lavori di vario tipo e, più in generale, di chiunque si interessi di vicende pallonare lungo lo stivale, personaggi che sono riusciti, in alcuni casi, a cambiare filosofia e “modus operandi” così drasticamente da sconfessarsi in maniera piuttosto palese.
Quest’anno la nostra attenzione, per evidenti motivi di campo e di classifica, è stata rivolta in particolare al mondo Napoli, una realtà che a prescindere dall’atavica antipatia (edulcorato eufemismo) verso tutto ciò che sia legato alla Juventus, si è sempre presentata come variegata, folkloristica e spesso sopra le righe, e caratterizzata da quella tendenza al vittimismo a volte talmente eccessiva da suscitare più di una perplessità, una tendenza che non è frutto della fantasia di chi scrive o tramandata da leggende popolari, ma molto spesso tangibile attraverso manifestazioni roboanti e vistose: difficilmente dimenticabile, ad esempio, fu  la “pacata” reazione che il popolo napoletano ebbe un paio di anni fa quando, una volta capito che il sorpasso in classifica della Juventus era definitivo e per lo scudetto non c’era più nulla da fare, in occasione dell’espulsione di Higuain e della sconfitta di Udine ci fu una clamorosa levata di scudi tra “panolade” allo stadio, magliette di protesta, raccolta di firme, giornalisti locali incatenatisi in diretta tv nel vero senso della parola e persino l’uso dei bambini allorchè una scolaresca fu fotografata per partecipare all’iniziativa #iostoconhiguain.

Proprio quello che sembra un dettaglio all’interno del precedente appena citato, risulta invece una costante che somiglia quasi ad un innesco della degenerazione: la consapevolezza di aver perso del tutto, o quasi, la speranza dell’obiettivo stagionale che anche quest’anno, come nel 2016, era lo scudetto da contendere alla Juventus.
Non a caso nei primi sei mesi di campionato con i partenopei stabilmente al comando della classifica, anche a fronte dello scontro diretto perso in casa a dicembre, dagli ambienti napoletani filtrava una sorta di chiusura a riccio attorno alla squadra, condita da uno stato d’allerta talvolta spropositato con cui spesso si era portati a vedere trame oscure e complotti anche dove non c’era nulla di tutto ciò, e non sono stati rari i casi in cui si è fatta allusione a fake news create apposta per destabilizzare l’ambiente.

Sono buoni esempi a tal proposito, l’articolo di fine Gennaio de “Il Mattino” in merito agli “strani comportamenti di Younes” che prima sbarca in città e poi si rifiuta di firmare con gli azzurri, quasi a voler supporre qualcosa di premeditato a danno del Napoli

e la reazione stizzita del giornalista Marco Azzi (lo stesso salito agli “onori” della cronaca per aver manifestato stupore e incredulità dinanzi al “fenomeno del napoletano che tifa Juve”) che arriva a coinvolgere l’Ansa e l’Ordine dei giornalisti per condividere l’indignazione causata da una notizia rivelatasi sì un fake, ma che era rimasta confinata a qualche condivisione su profili social privati e non certo rimbalzata da testate giornalistiche come negli esempi che vedremo a breve.

 

A inizio Marzo però succede che con una serie di prestazioni meno efficaci del solito, il Napoli subisca il sorpasso dalla Juventus, giusto qualche settimana dopo aver rinunciato, forse a cuore troppo leggero, all’Europa League con la prematura eliminazione ad opera del Lipsia, come era capitato qualche mese prima in coppa Italia e per certi versi anche nella Champions League affrontata ai gironi come se fosse un semplice allenamento propedeutico per il campionato.

E così, mentre anche l’onda anomala di endorsement pro Napoli provenienti da ogni latitudine con straordinaria regolarità tendeva ad abbassarsi, si è assistito al rapido cambio di atteggiamento, e i primi segnali sono arrivati da tv e testate giornalistiche locali che hanno iniziato a diffondere notizie ad effetto come testimonia questo episodio accaduto durante la trasmissione che Carlo Alvino conduce su Tv Luna

oppure a millantare gesti di solidarietà nella lotta contro il male provenienti da altre tifoserie, come capitato a metà marzo quando fu sparsa la voce che durante Spal-Juventus, la curva ferrarese avesse intonato un coro di supporto per i napoletani, voce poi prontamente smentita dal sito di riferimento degli estensi “Lo spallino

Arriva lo scontro diretto del 22 Aprile con  la vittoria del Napoli in extremis ma nonostante la dilagante euforia dei tifosi, aumenta ulteriormente la tensione all’ombra del Vesuvio tanto che, giusto qualche ora dopo l’intervista con cui il questore di Torino dichiara che “i tifosi sono stati inappuntabili sia dentro che fuori lo stadio, dal punto di vista dell’ordine pubblico non è successo nulla di rilevante”, dall’emittente Canale 8 il giornalista Carmine Martino lancia accuse parlando di una presunta “caccia al napoletano” che sarebbe partita nei minuti finali all’interno dello stadio da parte degli ultras juventini.
Superfluo dire che nel giro di poche ore, la notizia prende risalto mediatico soprattutto grazie ai social su cui le numerose star dell’anti juventinità ci si tuffano a pesce, sebbene continuino a mancare testimonianze reali, denunce effettuate e conferme da eventuali diretti interessati: notare la dura reprimenda del solito Pistocchi, ma soprattutto la fonte alla quale egli si abbevera e la simpatica risposta con cui zittisce chi prova a farlo ragionare.

Ma come dicevamo più sopra, è Inter-Juventus la partita della discordia che ha generato i picchi massimi della pandemia con cui le fake news, da insidia da stanare, sono diventate  l’ultima disperata arma con cui provare a recuperare quello che stava scivolando via via di mano.
A caldo, nel post partita, la pagina AreaNapoli analizza con un replay dei minuti finali il labiale del quarto uomo Tagliavento sostenendo che il fischietto umbro, nell’esibire la lavagnetta luminosa con i minuti di recupero, abbia detto “con il recupero vinciamo”, un’ipotesi talmente surreale da sembrare subito un’evidente panzana ma non per i siti di Mediaset Premium e Il Giornale che rimbalzano subito la bufala, destinata inoltre ad essere seguita da altri vaneggiamenti costruiti attorno ad un saluto in diretta TV in zona mista con cui secondo i novelli esperti di investigazione scientifica, Allegri si complimenterebbe con lo stesso Tagliavento per aver “aiutato” la sua squadra a vincere.

Arriviamo agli ultimi giorni in cui il ciclone fake diventa tempesta grazie alla finale di Coppa Italia, minuziosamente seguita dai tifosi del Napoli, in particolare dai redattori della pagina CalcioNapoli24 che, con le squadre ancora in campo per la premiazione, lancia la bomba dei cori inneggianti al Vesuvio provenienti dalla curva occupata dai tifosi della Juventus, e lo fa pubblicando un video palesemente taroccato che risale ad almeno quattro anni fa in maniera così frettolosa da scrivere male anche il nome del vulcano.

Notizia subito ripresa dai guru del web della napoletanità, prima su tutti l’immancabile Anna Trieste, già nota per aver scambiato durante Juve-Napoli del Febbraio 2016 i fogli neri usati ad inizio partita per la coreografia per sacchetti dell’immondizia che sarebbero stati lanciati in segno di razzismo denigratorio contro Reina dalla curva juventina

Contemporaneamente, l’edizione online de “Il Mattino”, che però resta al momento l’unica fonte a riportare tale notizia, ci fa sapere che l’iniziativa con cui, tramite un accurato dossier, il Movimento Neoborbonico ha chiesto addirittura l’intervento della Fifa per risolvere l’annoso problema dei continui favoritismi grazie ai quali il sistema corrotto italiano sta scippando l’ennesimo scudetto al Napoli, non è rimasta inascoltata ma anzi, la stessa Fifa a nome del presunto addetto agli arbitri Michael Bossler ha risposto comunicando che aprirà un’inchiesta sulla Juventus.

Ma se lo studio approfondito dei labiali di Tagliavento e Allegri vi ha fatto ridere per i contorni grotteschi della congettura, sappiate che il sito Fanpage è riuscito a fare peggio stigmatizzando i soliti cattivoni juventini che non solo rifiutano i complimenti di Bonucci a fine partita ma, nella persona di Mandzukic, lasciano il povero Leo “impietrito”, facendo finta di non notare che lo screzio tra il croato e il milanista avviene durante la partita, quindi prima della premiazione.

Sarà solo un caso che Fanpage, così come i sopracitati AreaNapoli e CalcioNapoli24 risultano essere tutti siti di informazione regolarmente registrati presso il Tribunale di Napoli i cui corridoi si presentano così?

Eppure ci sarebbe stato qualcosa di non legato alla Juventus ma decisamente più vicino alla propria squadra di cui parlare, come ad esempio il misterioso accerchiamento del giornalista tifoso Carlo Alvino, avvenuto domenica scorsa con toni non propriamente amichevoli poco prima di Napoli-Torino fuori lo stadio San Paolo ad opera di due soggetti non meglio precisati e appartenenti ai gruppi organizzati, come dimostra questo video:

Toni minacciosi poi frettolosamente smentiti dallo stesso Alvino che, con una foto pubblicata sul suo profilo twitter, dichiara di aver semplicemente ricevuto l’invito a prendere un caffè da questi due “tifosi”, proprio mentre prendevano piede le voci secondo cui, dalle testimonianze dei presenti, questi soggetti volevano convincere il buon Alvino ad essere meno aziendalista nelle sue disamine.

A questo punto non è da escludere che il vulcanico presidente azzurro De Laurentiis abbia ben pensato di smentire se stesso e le cinque interviste rilasciate sabato scorso, tutte con dichiarazioni e contenuti rigorosamente diversi tra loro con cui grossomodo scaricava le colpe del mancato scudetto su Sarri, tornando a far parlar di se con queste colorite affermazioni

proprio al fine di evitare strani inviti a prendere un caffè da parte dei suoi tifosi…

In teoria ci sarebbe stato anche il fresco filone sugli strani rapporti tra alcuni giocatori del Napoli e alcuni esponenti della malavita locale come riportato da “Il Fatto Quotidiano”

ma probabilmente più che nel mirino delle testate locali, queste cose dovrebbero finire all’attenzione della procura federale sportiva, come ad esempio successe con decisa solerzia per la questione che vedeva coinvolto Andrea Agnelli e alcuni personaggi del tifo organizzato, ma qualcosa ci fa sospettare che il buon procuratore Pecoraro preferirà occuparsi d’altro


P.S.: Mentre chiudo questa carrellata di bufale impazzite, ringraziando Michele Fusco per il suo sterminato archivio, apprendo che almeno qualcuno dei militanti di questo esercito impazzito riesce a trovare la forza e il coraggio di fare dietrofront e ammettere di aver esagerato, in particolare il direttore di “Napoli Magazine” Antonio Petrazzuolo ma probabilmente siamo ancora lontani dal sogno di avere un’informazione fatta in modo meno parziale e da persone che riescano a reprimere gli impeti personali mossi dal tifo e dalle soggettive antipatie.