JvtbEleven (11), Udinese-Juve: dialogare a destra per isolare Douglas Costa

di Jacopo Azzolini |

jvtbeleven 11

In ogni puntata, un autore di Juventibus proporrà il proprio undici tipo relativo alla prossima partita, e Jacopo Azzolini – che si è occupato del fake eleven nel corso di questa estate – commenterà la specifica formazione, soffermandosi su pregi e difetti. Questo è l’undici proposto da Michele Fusco per Juventus-Lazio.

jvtbeleven 11

Contro un avversario abbastanza lacunoso, non bisognerà incorrere in passi falsi. Sia per non allontanarsi dalla vetta, sia perché è un tipo di campionato dove i passi falsi con le piccole possono rivelarsi fatali.

Può essere il palcoscenico giusto per non lasciare (ancora) in panchina Rugani e Bernardeschi, ossia i giovani la cui gestione in queste settimane sta scatenando diverse discussioni. Soprattutto l’ex Viola appare un profilo tatticamente tutto in divenire e tutt’altro che facile da inserire in questa squadra.

Posto che Allegri ha dichiarato di non vederlo come vice Dybala, va quindi perfezionata la sua posizione nella corsia destra, perfezionando la coesistenza con la Joya e la capacità di dialogo nello stretto.

L’Udinese di Del Neri oscilla tra il 433 e il 442, con comunque attenzione nel negare gli uno contro uno sulle corsie esterne. Muovendosi sul centro-destra, Dybala e Bernardeschi potrebbero dialogare per stringere le linee friulane, cambiando poi gioco sul lato debole per consentire a Douglas Costa di andare al cross.

Insomma, bisogna iniziare a trovare un senso al ben di Dio di cui la Juve può disporre nella trequarti rivale. In mediana, infine, test importante per Khedira, non ancora apparso in una condizione fisica soddisfacente.