#jvtbClip Torino-Juve 1-3: Trezeguet era top, ma Lui…

di Giacomo Scutiero |

Schiudersi
Rugani può dirsi formato, completato. Il progressivo definirsi degli elementi costitutivi e qualitativi essenziale della difesa: timidezza abbandonata, aggressione razionale, occhio fisso sul pallone e uso vigoroso del corpo (legale, caro arbitro).

 

Trascendentale
Alex Sandro studia il corpo altrui e realizza cosa e come l’avversario farà. Questo diventa un fattore: il 12 è un veggente, prevede e precorre il naturale svolgersi dell’azione.

 

Pleonasmo
Come quando racconti all’amico che hanno segnato Messi e Cristiano. Ebbè? Quale news? Mandzukic oblia il piatto poco aperto davanti alla porta con protezioni, tackle, “parate”. Fa riposare qualche minuto i compagni, perché a lui la siesta non occorre; ecco perché non sorride alla sostituzione, perché il bimbo che gioca contento non “sente” la fame anche se ha fame.

 

Orgoglio
In più di dieci anni di Juve, a Chiellini son mai mancati la fierezza e il senso dell’onore. Conscio di quel che (non) è capace di fare, prova, sbaglia e cuce la toppa; poi, fiero, osa e finanche alza l’asticella.

 

Dio
Tra le due decine di minuti più incantevoli, prodigiose, fiabesche, strabilianti che abbia visto da quando guardo le partite di pallone.