Juventus-Spal 2-0: bastano i lampi di Ronaldo

Dopo qualunque sosta non è mai facile ritornare in campo concentrati, a prescindere dall’avversario, ma quando hai in squadra uno come Cristiano Ronaldo diventa tutto incredibilmente più semplice: lo sa Allegri, lo sanno i compagni di squadra di CR7, lo sa lo stesso attaccante portoghese, forse sono i tifosi che ancora non riescono a credere di avere questo fenomeno a vestire con la propria maglia. Primo impegno post-sosta, fra l’altro, nell’immediata vigilia di Champions League, dunque risparmiare qualcosina, sia di fiato che di uomini, male non fa: un gol per tempo, il primo siglato dall’ex Real Madrid con un sinistro a trasformare un assist al bacio di Pjanic, il secondo siglato ancora da Mario Mandzukic, bravo a farsi trovare pronto con un tocco facile sotto porta dopo la corta respinta di Gomis a seguito di un tiro di Douglas Costa, conclusione arrivata grazie alla regia sempre di quel Ronaldo lì di cui prima.

A proposito di Pjanic, la tranquillità che il bosniaco trasmette a tutta la squadra sia in pressing che in fase di palleggio sta diventando impressionante, evidente, uno dei valori di questa squadra: ieri Allegri ha sottolineato la crescita del suo faro di centrocampo, non è per nulla una tesi senza fondamenta, anzi! Le note positive non finiscono qui, perché ci sarebbe da parlare della prestazione di Douglas Costa quasi ai livelli del pre-sputo a Di Francesco, o la solidità sia difensiva che mentale che ha concesso agli avversari solo tiri decisamente innocui dalla distanza.

Un antipasto, si spera, di una qualificazione agli ottavi di finale europei da conquistare martedì contro il Valencia: torneranno titolari fra qualche giorno Cancelo, Chiellini e Dybala, oltre Matuidi che comunque oggi poi qualche minuto nelle gambe l’ha messo ancora (per la verità anche Chiellini, ma ci arriviamo fra poco), un poker di fenomeni che farebbero la differenza ovunque. Non è una banalità. Accennavamo al minutaggio di Chiellini: entrato nelle ultime battute al posto di Alex Sandro, l’unica nota che potrebbe diventare stonata. Problema fisico da valutare o semplice affaticamento dell’ultimo minuto? Incrociamo le dita.